Tifose russe ai Mondiali

Giornalista tedesca critica i media per tentativo di ritrarre i russi come “selvaggi”

© Sputnik . Evgenia Novozhenina
Notizie dei Mondiali di calcio 2018
URL abbreviato
8280

La Germania dovrebbe smetterla di dare giudizi dall'alto e dipingere la Russia come un Paese dal basso livello di moralità; questo parere è stato espresso dalla giornalista di Die Welt Kathrin Spoerr commentando il bilancio dei Mondiali.

Come notato dalla giornalista, nell'ultimo periodo i media occidentali hanno pubblicato attivamente articoli sui problemi politici ed economici della Russia, il cui responsabile sarebbe Vladimir Putin.

"Ma invece di mettersi sulle barricate, i russi hanno rieletto con la maggioranza assoluta il "dittatore". Penso che sia una contraddizione," — rileva la Spoerr.

Soprattutto, secondo la giornalista, è rimasta divertita dall'articolo di uno dei suoi colleghi, in cui ha scritto che i russi hanno ancora una volta imparato a ridere durante i Mondiali. "Guarda i selvaggi sanno ridere", commenta ironicamente la Spoerr.

"Se il diritto di ospitare i Mondiali fosse dato dal criterio di moralità politica, in futuro a malapena la FIFA riuscirà a trovare un posto adatto. Turchia, Ungheria, Italia, Giappone, Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Australia e Africa non sono adatti, perché tutti hanno negli armadi montagne di cadaveri del loro passato. Sembra che i Mondiali meriterebbero di svolgersi in Germania. Ma non è successo qualcosa?" — scrive la Spoerr, aggiungendo che la vigilia della finale è stata vissuta a Mosca con una gioia assolutamente apolitica".

In precedenza la direttrice di RT e dell'agenzia russa di stampa internazionale Margarita Simonyan ha notato che il tono dei media occidentali sulla Russia è cambiato a seguito dei Mondiali.

Secondo lei, prima dell'inizio dei Mondiali, i loro articoli sulla Russia erano "una raccolta di stereotipi selvaggi".

"Durante i Mondiali, bisogna riconoscere il dovuto, le stesse pubblicazioni scrivono: "Cara mamma, a sorpresa gli scaffali dei negozi sono pieni, non ci hanno arrestato, non ci hanno picchiato, tutti sorridono ed ora ho persino sventolato una bandiera inglese e nessuno me l'ha tolta", ha commentato la Simonyan.

Leggi tutte le notizie sui Mondiali di Calcio 

Correlati:

“I Mondiali hanno distrutto gli stereotipi del calcio e della Russia”
Putin: Russia orgogliosa dell'organizzazione dei Mondiali di calcio
Tags:
Giornalismo, Russofobia, Società, Occidente, Mondiali di calcio 2018, Die Welt, mass media, Germania, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik