22:21 14 Agosto 2020
Sondaggi
URL abbreviato
2120
Seguici su

Un sondaggio svolto dall’edizione online serba “New Serbian political thought” (Nuovo pensiero politico serbo) ha dimostrato che i serbi hanno più fiducia del presidente russo Vladimir Putin che del loro premier Aleksandar Vucic.

Putin è stato scelto dal 36,1% degli inervistati, mentre a favore di Vucic si è pronunciato il 34,6%.

Al secondo posto, tra i politici stranieri, si piazza Angela Merkel (7,3%), seguita dal greco Alexis Tsipras e dal presidente statunitense Barack Obama.

Alla domanda se "siete favorevoli all'unione di Serbia con la Russia", il 68,2% dei rispondenti hanno dato risposta affermativa. Contro l'unione con la Russia si è pronunciato il 18,9%, mentre il 12,9% non ha saputo rispondere.

Alla domanda su "chi deve essere l'alleato politico ed economico della Serbia", il 35,7% ha risposto "la Russia", il 34,7% è favorevole alla neutralità del paese, mentre il 21,1% vuole allearsi con l'Unione Europea.

Il direttore dell'edizione "New Serbian political thought" Djordje Vukadinovic, intervistato dal quotidiano "Blic", ha osservato che la popolarità di Putin è dovuta alla tradizionale visione della Russia come amico e difensore della Serbia. Inoltre, i cittadini vedono Putin come un uomo politico coerente e risoluto, in grado di risolvere i problemi.

Il sociologo Neven Cveticanin ha definito Putin un "Clint Eastwood della politica" — imperturbabile, risoluto e concentrato.

"Putin piace perché ha forza e carisma. La sua immagine e il suo stile di vita sono particolari. Alla gente piace, indipendentemente da quello che pensa della Russia. Dal punto di vista psicologico, i maschi si identificano con lui, perché è un Alpha. È il tipo di maschio che piace alle donne".    

Correlati:

L'Europa boccia la Serbia, "siete troppo amici della Russia"
Analisti: tra poco Serbia dovrà scegliere tra Russia e NATO
“La Russia non fa pressioni, mentre l'Europa impone solo condizioni alla Serbia”
Tags:
Sondaggio, Serbia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook