01:55 08 Marzo 2021
Virale
URL abbreviato
0 72
Seguici su

L'incredibile storia di Shoji Morimoto: in passato lavorava nell'editoria, ma ora si guadagna da vivere non facendo nulla o prestandosi a cose semplici e banali con la gente estranea.

Grazie ad un tweet il 37enne giapponese Shoji Morimoto, residente a Tokyo, è riuscito a guadagnarsi da vivere in un modo insolito e inspiegabile: si fa noleggiare per "non fare nulla" e questa attività ha riscosso molto successo grazie ai social. Lo racconta Independent. 

"Mi offro in affitto, come una persona che non fa nulla. È difficile per te entrare in un negozio da solo? Ti manca un giocatore nella tua squadra? Hai bisogno di qualcuno che tenga un posto per te? Non posso fare altro che cose facili", il testo del tweet che ha spalancato le porte della popolarità a Morimoto.

Per 10mila yen (circa 80 euro al cambio attuale - ndr) più spese di viaggio e vitto e alloggio qualsiasi persona che lo desidera può "noleggiare" il 37enne Shoji Morimoto, residente a Tokyo. Tuttavia il compenso non prevede alcun tipo di attività, se non "mangiare, bere e dare semplici risposte".

Sebbene originariamente offrisse i suoi servizi gratuitamente, chiedendo solo il rimborso delle spese, Morimoto ora si fa pagare per ridurre le richieste e scoraggiare i perditempo. Dichiara di ricevere 3/4 offerte al giorno e dall'inizio della sua attività rivoluzionaria ha accumulato 3mila ordini per il suo servizio.

La gente lo "affitta" per vari motivi, racconta lo stesso Morimoto, ma la maggior parte dei suoi clienti sono annoiati o soli e vogliono semplicemente essere ascoltati.

È stato ingaggiato ad esempio per pranzare, posare per fotografie su Instagram, accompagnare qualcuno che chiede il divorzio, catturare farfalle nel parco.

Nel giro di soli 2 anni la vita di Morimoto è cambiata in meglio: ora gestisce un account Twitter con oltre 270mila follower, inoltre fa comparse nella tv locale, rilascia interviste a riviste e vende persino suoi libri e manga su Amazon.

Tags:
Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook