14:45 17 Gennaio 2021
Virale
URL abbreviato
112
Seguici su

L'anno della pandemia di COVID-19 ha portato anche enormi cambiamenti nel modo in cui parliamo. Parole che già esistevano ma non erano molto utilizzate così come il consolidamento di nuovi termini contribuiscono a stilare l'elenco delle parole dell'anno raccolte da riconosciute istituzioni della lingua.

La pandemia di COVID-19 non ha solo cambiato le nostre pratiche quotidiane, ma ha anche trasformato il nostro linguaggio. Parole prima pressoché ignorate sono diventate parte del nostro lessico e così ora tutti sanno cosa sono un virus e un ceppo.

Per questo istituzioni come - tra le altre - l'Oxford English Dictionary e la casa editrice americana Merriam-Webster hanno selezionatole le parole di questo 2020.

Quale si piazza al primo posto? Secondo Merriam-Webster e il dizionario online dictionary.com si tratta della previdibilissima  "pandemia".

Ora sappiamo tutti cos'è una pandemia ma forse un anno fa per molti non era così chiaro poiché l'ultima era stata quella dell'influenza spagnola nel lontano 1918.

"Il volume di ricerca del termine 'pandemia' è rimasto ai livelli più alti sul sito (dictionary.com) nel corso del 2020, con un aumento medio del 1000% per ogni mese rispetto agli anni precedenti. A causa della sua trasversalità nel definire il 2020 si è assestato per il 10% superiore a tutte le ricerche per gran parte dell'anno", afferma il dizionario online.

Da parte sua, l'editore Merriam Webster ha sottolineato che l'11 marzo, giorno in cui l'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato ufficialmente la pandemia di COVID-19, la ricerca della parola sul proprio sito web è aumentata del 115.806% rispetto alla stessa data del 2019.

Dal canto suo, l'Oxford English Dictionary, istituzione che ogni anno sceglie la parola dell'anno, ha cercato di rendere meno univoco tale risultato in questo peculiare 2020. Pertanto, i suoi specialisti hanno redatto un rapporto esaustivo delle parole dell'anno.

Tra loro appaiono naturalmente "coronavirus", "COVID-19", "distanziamento sociale" e "quarantena", tutte in riferimento alla pandemia. Ma non solo i termini scientifici sono aumentati nel nostro lessico quotidiano.

Sono incrementati anche i termini 'impeachment' e 'assoluzione', soprattutto all'inizio dell'anno durante il processo di impeachment del presidente USA Donald Trump.

Anche il termine "Black Lives Matter" è stato tra quelli scelti, divenuto popolare dopo l'omicidio del cittadino afroamericano George Floyd negli Stati Uniti per mano della polizia. Cercato spesso anche il termine "cancella" in riferimento alla cosiddetta "cultura della cancellazione", che consiste nel ritirare il sostegno ai personaggi pubblici che hanno fatto o detto qualcosa di offensivo.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook