04:31 29 Novembre 2020
Virale
URL abbreviato
0 80
Seguici su

La pagina Facebook 'Chang Phuak' ha condiviso la stramba storia del paffuto gatto usando l'hashtag #catslave ('gatto schiavo'). Una storia presto diventata virale, che ha suscitato tra gli utenti diverse chiavi di lettura.

Come riportato da 'Indian Expres', il gatto soriano, scomparso in Thailandia per tre giorni, è sì tornato a casa ma lo ha fatto portandosi dietro qualche problemino. Mentre era via ha infatti contratto dei debiti: il costo di tre sgombri per l'esattezza.

La proprietaria, rinfrancata per il ritorno dell'animale, lo ha appunto notato con un nuovo collare e un cartello appeso al collo.

Sul cartello si leggeva la nota: "Il tuo gatto continuava a guardare gli sgombri sulla mia bancarella, quindi gliene ho dati tre". La commerciante si è identificata come 'La zietta May al vicolo n. 2', allegando anche il suo numero.

"Andato via per tre giorni e tornato con i debiti. #catslaves", si legge nel post.

Le immagini hanno fatto ridere molti utenti e diversi di loro hanno commentato il post dicendo che il gatto era molto carino e sembrava totalmente impenitente.

Mentre alcuni si sono offerti di pagare gli sgombri, altri hanno lodato la pescivendola. Molti hanno detto che zia May potrebbe non aver voluto che la proprietaria pagasse il pesce, altri hanno affermato che potrebbe avergli lasciato il suo numero per farle sapere che l'animale era stato trattato bene.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook