01:34 25 Novembre 2020
Virale
URL abbreviato
0 11
Seguici su

Pubblicando le immagini di quelli che sembrano essere frammenti di denti appartenuti a Hitler e sua moglie Eva Braun, la Peskova ha riflettuto sul fatto che ci sono ancora alcuni "pseudo-storici" là fuori che contestano la morte del leader nazista.

Elizaveta Peskova, figlia del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, ha recentemente fatto una rivelazione particolare sulla sua pagina Instagram che potrebbe assestare un duro colpo alle stravaganti teorie del complotto secondo cui il famigerato leader nazista tedesco Adolf Hitler non sia morto a Berlino nel 1945.

Nel suo post Elizaveta ha polemizzato su alcuni "pseudostorici" che continuano a contestare la morte di Hitler, e ha spiegato come, al fine di chiarire la questione, il suo collega e amico Pierre Malinowski sia stato ammesso negli archivi dell'FSB per avere accesso ai manufatti legati alla scomparsa del Führer.

Il post contiene anche una serie di foto che ritraggono, tra le altre cose, quelli che sembrano essere frammenti di denti che sarebbero appartenuti a Hitler e alla moglie Eva Braun, recuperati dai sovietici dopo il suicidio della coppia.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook