00:32 20 Ottobre 2020
Virale
URL abbreviato
0 34
Seguici su

Uno dei creatori della cosiddetta dieta Sirt, che è diventata di moda grazie all'impressionante perdita di peso della famosa cantante britannica Adele, ha confessato qual è l'errore principale che commettono le persone che la seguono.

Il nutrizionista e farmacista Aidan Goggins ha spiegato che molti si concentrano sulla diminuzione dell'apporto calorico piuttosto che tener conto delle proprietà del cibo, cosa che rende la gente "spaventata dal mangiare".

Tuttavia l'obiettivo principale della dieta è quello di "rafforzare le persone" e cambiare la loro percezione del cibo.

"Si possono solo ottenere benefici dal cibo mangiandolo", ha sottolineato.

Goggins ha aggiunto che "il cibo non è solo il carburante" del nostro organismo: non basta contare le calorie, dal momento che la cosa più importante è sapere come agisce sul nostro corpo.

Inoltre ha confrontato i nutrienti con le componenti di un mobile: i componenti "sono buoni quanto le istruzioni che si hanno".

Il nutrizionista è convinto che i nutrienti siano in grado di diventare gli "istruttori" del nostro metabolismo, perché "possono parlare alle nostre cellule e migliorarne il funzionamento".

La dieta di Sirtfood si basa sull'assunzione di alimenti che aumentano l'attività delle sirtuine, proteine ​​in grado di regolare il metabolismo, l'invecchiamento e le infiammazioni.
Segue l'elenco di alcuni degli alimenti consentiti in questo regime alimentare:

  • mele;
  • fragole;
  • tè verde;
  • agrumi;
  • noci;
  • mirtilli;
  • cavoli;
  • vino rosso;
  • cioccolato fondente.

La dieta consiste in due fasi. La prima settimana è più intensa e include il consumo di 3 frullati verdi e solo 1.000 calorie al giorno. Nella seconda fase, che dura due settimane, l'apporto calorico aumenta a 1.500 calorie e si divide in 3 piatti.

Nei giorni scorsi era stato riferito che un gruppo di ricercatori siberiani aveva scoperto che il consumo di grano saraceno ha un effetto curativo unico e può allungare la vita.

Tags:
Salute, Società, Alimentazione, dieta
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook