16:17 21 Settembre 2020
Virale
URL abbreviato
Coronavirus: superati i 5 milioni casi nel mondo (21 maggio-22 giugno) (148)
3501
Seguici su

I medici che ora stanno combattendo la guerra contro il coronavirus sono costretti a indossare tute protettive per prevenire il contagio e lamentano che questa attrezzatura non è molto traspirante. Tuttavia, un'azienda sanitaria ha trovato la possibile soluzione al problema, sebbene sia abbastanza stravagante.

In particolare, la donna, che lavora nell'ospedale principale della provincia russa di Tula, ha deciso di indossare solo un bikini e nient'altro sotto la tuta.

Un paziente ha scattato una foto e l'ha inviata a un media locale. Una volta pubblicata, l'immagine è diventata virale sui social media. La paziente tuttavia ha notato che gli uomini ricoverati in ospedale non erano confusi dal suo aspetto non convenzionale, sebbene di tanto in tanto guardassero la donna.

L'amministrazione dell'ospedale tuttavia non ha sentito ragioni e ha imposto una sanzione disciplinare alla donna per non aver seguito le regole relative all'uniforme medica. Inoltre, ha avuto una conversazione con altri impiegati dell'ospedale per chiarire perché è necessario che non infrangano le regole con il pretesto di sentire caldo.

A sua volta, gli utenti su internet hanno supportato la donna.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da «Тульские новости» (@newstularu) in data:

"È davvero insopportabile il calore che si trasmette in quelle tute, ha fatto la cosa giusta, non viola nulla...", ha scritto l'utente d'Instagram griazeva.elena.

"L'immunità dei pazienti è aumentata rapidamente", ha scherzato ali_sss09.

Tema:
Coronavirus: superati i 5 milioni casi nel mondo (21 maggio-22 giugno) (148)

Correlati:

In Veneto medici e infermieri in lotta contro coronavirus riceveranno premio da 1.200€
Israele esporterà cannabis per uso medico in Europa e Canada
Coronavirus, un esperimento sui criceti dimostra l’efficacia delle mascherine mediche
Tags:
infermiere
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook