22:41 04 Agosto 2020
Virale
URL abbreviato
Coronavirus: superati i 4 milioni casi nel mondo (10-20 maggio) (103)
5611
Seguici su

All'inizio di questo mese, il sindaco di New York, Bill De Blasio, ha criticato i commenti del presidente americano Donald Trump sul rifiuto di concedere salvataggi agli stati colpiti dal coronavirus, tra cui New York, lo stato più colpito del paese.

In un'intervista con la BBC, l'attore Robert De Niro ha elogiato il governatore newyorkese Andrew Cuomo per la sua risposta all'epidemia del coronavirus, dicendo che ha fatto un lavoro incredibile, aggiungendo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non aveva idea su come le cose andrebbero fatte.

Il famoso attore ha continuato a criticare il presidente degli Stati Uniti, affermando che a quest'ultimo non importa il numero di morti COVID-19, aggiungendo che i sostenitori di Trump si illudono se pensano che il presidente si preoccupi davvero della loro vita.

"Vuole essere rieletto, non gli importa nemmeno quante persone muoiono. [...] E le persone di cui finge di prendersi cura sono le persone per le quali ha più disprezzo. Non gliene può fregare di meno di loro", ha spiegato De Niro.

L'attore afferma che New York, che è la città più colpita al mondo, si è trasformata in una città fantasma che potrebbe essere descritta in un film di fantascienza.

Non è la prima volta che De Niro ha criticato Trump: lo scorso dicembre, l'attore ha dichiarato che voleva vedere una "borsa di merd*" lanciata in faccia al presidente degli Stati Uniti.

Lo stato di New York ha registrato oltre 338.000 casi di coronavirus con oltre 27.000 morti, mentre il numero totale di malati di coronavirus negli Stati Uniti ha superato 1.370.000 con 88.000 morti, secondo le stime dell'Istituto Johns Hopkins.

Tema:
Coronavirus: superati i 4 milioni casi nel mondo (10-20 maggio) (103)

Correlati:

Robert De Niro è apparso in video antirusso
L'attore Robert De Niro constata la “follia temporanea” degli USA
Tags:
Robert De Niro
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook