07:08 10 Dicembre 2019

Jugoslavia: la bomba della NATO gli ha tolto una gamba, ma non la forza d’animo

© CC BY-SA 3.0 / Darko Dozet / Против ваздушна одбрана покушава да обори НАТО бомбардере
Videoclub
URL abbreviato
293
Seguici su

Durante l’aggressione della NATO Ratko Bulatovic era la persona più importante della città, era l’ispettore capo. Durante la guerra fu nominato aiutante del direttore del Quartier generale per la difesa civile gestito dai militari.

Per 36 giorni di giorno e di notte (soprattutto di notte perché proprio durante la notte i “sanguinosi raccolti” dei bombardamenti erano più importanti), Bulatovic visitava tutti gli snodi di Belgrado, parlava con le persone per le strade e nei rifugi, rassicurava chi era nel panico.

La notte tra il 29 e il 30 aprile 1999 fu la più dura in tutto il periodo dei bombardamenti della NATO su Belgrado. Il palazzo del Quartier generale su una delle vie principali della capitale fu bombardamento ben due volte quella notte.

PER SAPERNE DI PIU': L'operazione della NATO contro la Jugoslavia

Correlati:

La NATO ritiene che il bombardamento della Jugoslavia sia stato legittimo e necessario
Il bombardamento della Jugoslavia: una lezione importante in nome della democrazia
Esperto: il bombardamento NATO della Jugoslavia è stato un genocidio
Tags:
Bombardamento aereo, bombardamenti, Bombardamento, Bombardamento, Bombardamenti, Bombardamento, NATO, NATO, Serbia, Belgrado, ex-Jugoslavia, Jugoslavia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altri video