20:39 07 Dicembre 2019
Tema
Mondo

Reti della quinta generazione (5G)

Sempre piu’ frequentemente e anche sui giornali non specializzati si scrive di 5G, ma non sempre per il comune lettore è chiaro di cosa realmente si tratti.

 

Cominciamo col dire che la sigla definisce la quinta generazione (5G, appunto) della comunicazione telefonica attraverso apparati mobili, i nostri “telefonini”. Si cominciò nel 1982 con la tecnica analogica “Tacs”, seguita nel 1992 dal GSM (il 2G) e poi, nel 2001, dall’UMTS. Infine, dal 2012 possiamo usare comunemente lo standard 4G (detto LTE: long term evolution) che ha consentito velocità di comunicazioni e trasmissione dati ben maggiore che in precedenza. Ebbene, quando la nuova “generazione” di telecomunicazioni sarà commercializzata ovunque, e lo si prevede per il 2022, il sistema potrà servire contemporaneamente ben un milione di apparecchi per ogni chilometro quadrato (ora il massimo sono centomila) con costanza di linea e con una pressoché infinita quantità di dati.