22:07 06 Agosto 2020
Tema
  • Ultimo aggiornamento: 20:47 06.08.2020
    22:58 14.07.2020

    Coronavirus nel mondo: superati 13 milioni casi

    L'Organizzazione mondiale della sanità l'11 marzo ha annunciato dichiarato il focolaio di coronavirus COVID-19 una pandemia. Al momento al primo posto per il "peggio bilancio" sono gli Stati Uniti, seguiti dal Brasile, dove anche il presidente, Jair Bolsonaro, è stato risultato positivo al coronavirus. 

    Coronavirus nel mondo: superati 13 milioni casi
  • Ultimo aggiornamento: 18:59 06.08.2020
    17:51 06.08.2020

    La devastante esplosione presso il porto di Beirut

    Un'esplosione ha devastato Beirut martedì, provocando decine di morti e migliaia di feriti, in aggiunta alcune zone della città sono rimaste completamente distrutte.


    Al momento gli investigatori stanno cercando di ricostruire le circostanze ed i motivi della potente esplosione, ma dalle analisi preliminari emergerebbe che 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, un materiale chimico altamente esplosivo, siano state immagazzinate in un deposito portuale senza le dovute misure di sicurezza.

     

    Il porto di Beirut è devastato a seguito dell'esplosione del 4 agosto. Almeno 100 persone sono morte e migliaia sono rimaste ferite. Quasi 300mila abitanti sono rimasti senza casa poiché vaste parti della capitale libanese sono state completamente distrutte dall'esplosione e dalla conseguente onda d'urto.

     

    Il primo ministro libanese Hassan Diab ha ipotizzato che la devastante esplosione sia avvenuta per colpa di un enorme deposito di nitrato di ammonio, un materiale chimico altamente esplosivo, rimasto in un magazzino per sei anni senza le dovute misure di sicurezza.

     

    Il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte in una telefonata con Diab "ha espresso profonda solidarietà del Governo italiano per la tragica esplosione avvenuta a Beirut". L'Italia ha provveduto all'invio di personale e materiali, e secondo Conte "è pronta a fornire ogni ulteriore assistenza richiesta".

    La devastante esplosione presso il porto di Beirut
  • Ultimo aggiornamento: 13:26 31.07.2020
    23:03 14.07.2020

    La conversione di Santa Sofia in moschea

    Santa Sofia fu costruita dall'imperatore bizantino di fede cristiana Giustiniano I e venne inaugurata il 27 dicembre 537. La basilica ha rappresentato il tempio più grande del mondo cristiano per oltre mille anni. Dopo la conquista di Costantinopoli da parte degli ottomani e la caduta dell'Impero bizantino nel 1453, la cattedrale fu convertita in moschea, ma dal 1934 l'edificio, con decreto del fondatore del moderno stato turco, Kemal Ataturk, è diventato museo e ed è stato inserito nella lista dei patrimoni mondiali dell'UNESCO.

     

    La decisione delle autorità turche di far diventare di nuovo una moschea Santa Sofia ha fatto "addolorare" anche Papa Francesco. In Italia il leader della Lega Matteo Salvini ha parlato di incompatibilità tra "un certo Islam" e la democrazia, commentando la decisione di Ankara.

    La conversione di Santa Sofia in moschea
  • Ultimo aggiornamento: 15:57 30.07.2020
    22:28 06.06.2020

    Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue

    Il Regno Unito, Svizzera, Slovenia e Germania hanno confermato la riapertura dei confini con l'Italia a partire dal prossimo 15 giugno, quando riprenderà ufficialmente la libera circolazione nello spazio economico europeo comune.

    Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue
  • Ultimo aggiornamento: 08:34 27.07.2020
    13:39 29.05.2020

    La morte di George Floyd

    Le proteste sono scoppiate a Minneapolis alla fine di maggio, dopo che la morte di George Floyd durante il suo arresto è stata ripresa in un video. Nel video Floyd, un afroamericano di 46 anni, è stato affrontato da quattro poliziotti e uno di loro si è inginocchiato sul collo per diversi minuti mentre Floyd si lamentava di non riuscir a respirare. La polizia era intervenuta dopo la segnalazione telefonica di un negozio di alimentari locale, che sosteneva che l'uomo, buttafuori di un night e attualmente disoccupato, aveva tentato di pagare usando una banconota contraffatta.

     

    Dopo che il video dell'incidente è finito online diventando rapidamente virale, sono scoppiate le proteste, con migliaia di persone che hanno distrutto il distretto locale in cui lavoravano gli agenti colpevoli della morte di Floyd, che sono stati successivamente arrestati.

    La morte di George Floyd
  • Ultimo aggiornamento: 20:58 20.07.2020
    15:30 26.10.2018
  • Ultimo aggiornamento: 13:37 14.07.2020
    09:26 22.06.2020

    Coronavirus: superati gli 8 milioni casi nel mondo (22 giugno - 14 luglio)

    Dall'inizio della pandemia sono oltre 8 milioni i casi confermati di Covid-19 in tutto il mondo, mentre il bilancio delle vittime si approssima ormai a raggiungere la soglia psicologica di 500.000.

    Coronavirus: superati gli 8 milioni casi nel mondo (22 giugno - 14 luglio)
  • Ultimo aggiornamento: 22:49 13.07.2020
    14:03 03.01.2020

    Le tensioni tra Usa e Iran dopo l'omicidio del generale Soleimani a Baghdad

    Il 3 gennaio del 2020 gli Stati Uniti hanno effettuato un raid su due obiettivi collegati all'Iran nella capitale irachena di Baghdad.

     

    Il comandante della Forza Quds del Corpo delle Guardie della Rivoluzione islamica iraniana, il Magg. Generale Qasem Soleimani, è stato ucciso dall'incendio provocato da un razzo vicino all'aeroporto internazionale di Baghdad.

     

    Tra le vittime, oltre a Soleimani, c'era il vice comandante di un gruppo armato sciita Abu Mahdi al-Muhandis, che il segretario di Stato americano Mike Pompeo aveva accusato di aver attaccato l'Ambasciata americana a Baghdad il 31 dicembre.

     

    La massima carica dello Stato iraniano, l'ayatollah Ali Khamenei, ha promesso di vendicare la morte di Soleimani.

    Le tensioni tra Usa e Iran dopo l'omicidio del generale Soleimani a Baghdad
  • Ultimo aggiornamento: 16:39 08.07.2020
    21:42 22.03.2020

    Emergenza Coronavirus - Aiuti russi in Italia

    Le operazioni di invio degli aiuti russi all'Italia sono a carico del Ministero della Difesa russo: in totale la Russia invierà otto brigate mobili formate da personale specializzato in virologia del Ministero della Difesa, insieme a macchinari speciali per la ventilazioni, veicoli per la disinfezione e altro materiale medico.

    Emergenza Coronavirus - Aiuti russi in Italia
  • Ultimo aggiornamento: 18:29 07.07.2020
    14:38 06.08.2019

    Le attività di ricognizione ai confini della Russia

    Negli ultimi tempi i droni e gli aerei da ricognizione stranieri hanno iniziato ad avvicinarsi alla Russia e alle basi russe in Siria.

     

    Nonostante le esortazioni del Ministero della Difesa russo, il Pentagono si rifiuta di interrompere le sue attività di ricognizione nelle vicinanze della Russia.

     

    ​Secondo il Ministero della Difesa, nella prima settimana di agosto, 39 aerei dei paesi della NATO sono stati rilevati in volo vicino ai confini del paese.

    Le attività di ricognizione ai confini della Russia
  • Ultimo aggiornamento: 21:42 06.07.2020
    13:33 01.11.2019

    Reti della quinta generazione (5G)

    Sempre piu’ frequentemente e anche sui giornali non specializzati si scrive di 5G, ma non sempre per il comune lettore è chiaro di cosa realmente si tratti.

     

    Cominciamo col dire che la sigla definisce la quinta generazione (5G, appunto) della comunicazione telefonica attraverso apparati mobili, i nostri “telefonini”. Si cominciò nel 1982 con la tecnica analogica “Tacs”, seguita nel 1992 dal GSM (il 2G) e poi, nel 2001, dall’UMTS. Infine, dal 2012 possiamo usare comunemente lo standard 4G (detto LTE: long term evolution) che ha consentito velocità di comunicazioni e trasmissione dati ben maggiore che in precedenza. Ebbene, quando la nuova “generazione” di telecomunicazioni sarà commercializzata ovunque, e lo si prevede per il 2022, il sistema potrà servire contemporaneamente ben un milione di apparecchi per ogni chilometro quadrato (ora il massimo sono centomila) con costanza di linea e con una pressoché infinita quantità di dati.

    Reti della quinta generazione (5G)
  • Ultimo aggiornamento: 13:08 02.07.2020
    16:16 12.03.2019

    La crisi politica in Venezuela

    L'opposizione del Venezuela il 30 aprile ha tentato un colpo di stato. Il capo del parlamento Juan Guaidó, che si è dichiarato illegalmente presidente a interim, e i suoi sostenitori si sono radunati a Caracas davanti alla base militare di Carlota. In precedenza, Guaidó ha invitato il popolo del Venezuela e l'esercito a scendere in strada per completare l'Operazione Freedom per rovesciare il presidente legittimo, Nicolas Maduro. Il Capo dello Stato e il ministro della Difesa hanno dichiarato la lealtà delle forze armate alle autorità legittime. Le autorità hanno successivamente annunciato il fallimento del tentativo di colpo di stato e Maduro ha ordinato d'iniziare a indagare sugli eventi del 30 aprile.


    In Venezuela, il 21 gennaio, sono iniziate le proteste di massa contro il presidente Maduro poco dopo il suo giuramento. Un certo numero di paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, hanno riconosciuto Guaidó come presidente a interim. A sua volta, Maduro ha definito il capo del parlamento un fantoccio degli Stati Uniti. La Russia, la Cina, la Turchia e un certo numero di altri paesi hanno sostenuto Maduro come presidente legittimo.

    La crisi politica in Venezuela
  • Ultimo aggiornamento: 11:44 26.06.2020
    14:29 19.01.2020

    La conferenza sulla Libia a Berlino

    Il 19 gennaio a Berlino si tiene una conferenza multilaterale che ha come tema centrale quello della pacificazione della Libia, dove dall'aprile scorso è in atto una guerra civile tra le forze del maresciallo Haftar e quelle leali al governo di Tripoli presieduto da Fayez al-Sarraj.

     

    La Germania ha invitato alla Conferenza sulla Libia il premier del governo d'unità nazionale Fayez al-Sarraj, il generale Khalifa Haftar ed i rappresentanti di Russia, Turchia, Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Italia, Egitto, Cina, Onu e Ue.

     

    Anche il presidente russo Vladimir Putin e il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte sono i partecipanti della conferenza. 

    La conferenza sulla Libia a Berlino
  • Ultimo aggiornamento: 14:36 25.06.2020
    16:31 12.03.2019

    L'escalation nei rapporti tra India e Pakistan

    Le relazioni tra i due paesi armati con armi nucleari sono state messe a dura prova dopo che l'India ha revocato l'articolo 370 che afferma lo status autonomo della sua parte del Kashmir nell'agosto dello scorso anno. Da allora, la tensione ai confini è aumentata con entrambe le parti che si accusano a vicenda di violazioni del cessate il fuoco "non provocate".

    L'escalation nei rapporti tra India e Pakistan
  • Ultimo aggiornamento: 12:41 25.06.2020
    19:50 20.02.2020

    Il 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale

    Quest'anno ricorre il 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale.

     

    Lo scorso 28 di aprile il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che nonostante le misure intraprese a livello nazionale per far fronte alla diffusione del coronavirus, le celebrazioni per il Giorno della Vittoria restano in calendario il 9 maggio, ma con un programma adattato alla situazione in atto. 

     

    In tale occasione è stato annunciato che non si terrà la tradizionale parata militare sulla Piazza Rossa di Mosca, alla quale l'anno scorso avevano preso parte più di 10 mila soldati, ma che nei cieli si svolgerà invece una parata di aerei ed elicotteri militari.

    Il 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale
  • Ultimo aggiornamento: 19:37 22.06.2020
    22:54 20.05.2020

    Coronavirus: superati i 5 milioni casi nel mondo (21 maggio-22 giugno)

    Lo scorso 11 marzo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato lo stato di pandemia in relazione alla diffusione del coronavirus COVID-19. Secondo i dati dell Johns Hopkins University il numero dei contagi mondiali ha superato 5 milioni.

    Coronavirus: superati i 5 milioni casi nel mondo (21 maggio-22 giugno)
  • Ultimo aggiornamento: 22:29 19.06.2020
    23:29 15.06.2020

    Presunti finanziamenti dal Venezuela al M5S

    Il quotidiano spagnolo ABC, ha diffuso la notizia secondo cui nel 2010 il ministero degli Esteri venezuelano, guidato da Nicolas Maduro, avrebbe inviato una valigetta con 3,5 milioni di euro a Gianroberto Casaleggio, allora alla guida del Movimento.

    Il presidente della Commissione Esteri del Senato, Vito Petrocelli, del Movimento 5 Stelle, ha risposto alle accuse di presunti finanziamenti dal Venezuela dicendo che si è trattato di un attacco ai danni di Gianroberto Casaleggio e che la posizione del Movimento sulla situazione in Venezuela è sempre stata basata sul rispetto della sovranità del paese sudamericano.

    L'ambasciata venezuelana in Italia rimanda con decisione le acccuse al mittente: quella diffusa da ABC è una "fake news".

    Presunti finanziamenti dal Venezuela al M5S
  • Ultimo aggiornamento: 18:16 14.06.2020
    22:56 25.06.2019

    L'escalation delle tensioni tra USA e Iran

    Le forze armate iraniane il 20 giugno hanno abbattuto il drone di ricognizione delle forze armate statunitensi RQ-4. Secondo la versione di Teheran, il velivolo si trovava nello spazio aereo iraniano e i suoi frammenti sono precipitati nelle acque territoriali del paese. A sua volta, il comando centrale delle forze armate degli Stati Uniti ha dichiarato che gli iraniani hanno distrutto l'UAV sullo stretto di Hormuz, nello spazio aereo internazionale.

     

    Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump il 21 giugno ha comunicato che gli USA stavano preparando un’operazione militare che prevedeva l’attacco di tre strutture in territorio iraniano. Secondo le informazioni fornite da lui stesso, 10 minuti prima dell’inizio dell’operazione Trump avrebbe dato l’ordine di non procedere in quanto ha ritenuto la risposta non proporzionale alle azioni di Teheran.

     

    Il 24 giugno Donald Trump ha dichiarato di aver firmato il decreto che impone "sanzioni severe" contro l'Iran.

     

    Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha detto che Teheran risponderà con forza alla reiterata violazione da parte dei confini da parte degli Stati Uniti.

    L'escalation delle tensioni tra USA e Iran
  • Ultimo aggiornamento: 17:51 14.06.2020
    22:59 20.05.2020

    Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno)

    Il 17 maggio il Presidente Conte ha firmato il Dpcm recante le misure per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 in vigore dal 18 maggio. Secondo è riaperto il 90% dei negozi dell'abbigliamento e il 70% di ristorazione. 

    Rimane l'obbligo di mascherina e distanza di un metro. Stessa misura in tutti i luoghi pubblici come bus e metro. 

    Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno)
  • Ultimo aggiornamento: 16:28 27.05.2020
    21:14 28.02.2020

    Escalation ad Idlib

    La situazione ad Idlib si è aggravata dopo che i terroristi del gruppo fondamentalista Tahrir al-Sham il 27 febbraio hanno avviato un'offensiva su vasta scala contro le posizioni delle forze governative siriane. L'esercito siriano ha reagito al fuoco ostile. Secondo il ministero della Difesa russo, sono stati bombardati anche soldati turchi, che però non avrebbero dovuto trovarsi in questa area.

     

    Nei bombardamenti dell'esercito siriano 33 militari turchi sono stati uccisi, più di 30 sono rimasti feriti. Immediatamente dopo aver ricevuto informazioni sui militari turchi colpiti, la parte russa ha intrapreso le misure per un completo cessate il fuoco da parte delle truppe siriane e si è assicurata l'evacuazione sicura dei militari turchi morti e feriti in Turchia. Il ministero della Difesa russo ha sottolineato che i velivoli delle forze aerospaziali russe non sono stati operativi in quest'area.

    Escalation ad Idlib