14:34 15 Maggio 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
834
Seguici su

Parte di un enorme razzo che ha lanciato il primo modulo cinese per la nuova stazione spaziale Tianhe sta ricadendo sulla Terra e si appresta ad atterrare in un punto sconosciuto.

Il razzo vettore Long March 5B è stato usato il 29 aprile per portare nell'orbita bassa terrestre il modulo centrale senza pilota "Heavenly Harmony" che ha raggiunto la nuova stazione spaziale cinese Tianhe.

Il lancio è stato effettuato da Wenchang, nella provincia cinese di Hainan. Stando a quanto riferito dal The Guardian, il razzo è poi entrato in un'orbita temporanea, ponendo le basi per il suo rientro incontrollato. Alcuni esperti temono che possa atterrare su un'area abitata.

"L'ultima volta che hanno lanciato un razzo Long March 5B si sono ritrovati con delle sbarre di metallo che volavano nel cielo e che hanno danneggiato diversi edifici in Costa d'Avorio", ha detto Jonathan McDowell, astrofisico presso l'Astrophysics Center dell'Università di Harvard.

L'esperto, riferendosi all'incidente accaduto nel 2020, ha precisato che sebbene la maggior parte del vettore fosse bruciata", alcuni detriti di metallo erano tornati a terra, senza fortunatamente causare alcun ferito.

Il lancio di un razzo Long March-5B documentato dalla televisione cinese
© Foto : Youtube/ CCTV+
Il lancio di un razzo Long March-5B documentato dalla televisione cinese

Dove finirà il razzo

Nonostante l'impossibilità di calcolarne la traiettoria per il rientro, l'esperto Andrew Jones, sul sito spacenews.com, ritiene probabile che il razzo "finisca in un luogo disabitato, come gli oceani, che coprono il 70% del pianeta".

Inoltre, "le probabilità che un individuo venga colpito da detriti spaziali sono estremamente basse, stimate a 1 su diversi trilioni", ha aggiunto.

Martedì il nucleo orbitava intorno alla Terra ogni 90 minuti circa a circa 27.600 km ad un'altitudine di oltre 300 km. Al momento è possibile seguire l'orbita del Long March 5B su diversi siti tra cui orbit.ing-now.com.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook