22:01 07 Maggio 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
4916
Seguici su

Contro il progetto della Oxitec è stata aperta però una petizione su Change.org, già firmata da oltre 230.000 persone.

Gli Stati Uniti hanno ricevuto il loro primo lotto di zanzare geneticamente modificate, che sono utilizzate allo scopo di verificare se se gli insetti geneticamente modificati possano dimostrarsi in grado di controllare il loro numero nella regione.

La diffusione delle zanzare geneticamente modificate ha avuto inizio nell'arcipelago di Florida Keys, con 12.000 uova che sono state collocate tra Ramrod Key, Cudjoe Key e Vaca Keys.

L'esperimento entra così nella sua primissima fase, che dovrebbe avere una durata approssimativa pari a 12 settimane, durante la quale le zanzare immesse avranno solo bisogno di acqua per arrivare alla schiusa.

Una zanzara
© CC0 / Pixabay
Una zanzara

Un'iniziativa controversa

La sperimentazione, sicuramente innovativa da un punto di vista prettamente tecnologico, non ha tuttavia incontrato il favore di tutti, specie per quanto riguarda la comunità locale.

Un piccolo ma determinato gruppo di residenti, infatti, ha espresso tutta la propria disapprovazione per l'utilizzo di queste "zanzare mutanti da parte dell'EPA, l'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti.

A tale scopo, è stata aperta petizione su Change.org per dire "No alle zanzare geneticamente modificate", che in poco tempo ha raccolto quasi 238.000 firme.

Nel testo della petizione viene affermato che Oxitec, la società di biotecnologia che ha prodotto le zanzare in laboratorio, di voler utilizzare le aree di Florida Keys e del Texas come "terreno di prova" per questi "insetti mutanti". Oltre a ciò, viene anche citata l'opinione di 30 medici secondo i quali sarebbero state necessarie ulteriori valutazioni prima di dare il via libera al rilascio delle zanzare nell'ambiente.

Il progetto della Oxitec

L'obiettivo della Oxitec è quello di cercare di ridurre la popolazione delle Aedes aegypti, la cosiddetta zanzara della febbre gialla, in grado anche di diffondere anche malattie come la febbre dengue e la malaria, introducendo una versione alterata di questo insetto che non morde e può solo schiudere la prole maschile.

Tra i finanziatori del progetto, inoltre, risulta esserci anche la Bill and Melinda Gates Foundation, facente capo al noto cofondatore di Microsoft e a sua moglie, che avrebbe promesso 4,1 milioni di dollari di finanziamento per la Oxitec.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook