13:35 09 Maggio 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
5417
Seguici su

Alcuni dei residenti locali ritengono che l'imminente rilascio di zanzare sia stato imposto su di loro.

Una società biotecnologica chiamata Oxitec, che ha ricevuto denaro da una fondazione di Bill Gates, si sta ora muovendo per rilasciare una moltitudine di zanzare geneticamente modificate nell'arcipelago delle Florida Keys, ha riferito Futurism.com.

L'obiettivo apparente di questa impresa è cercare di ridurre la popolazione delle Aedes aegypti, la cosiddetta zanzara della febbre gialla, in grado anche di diffondere anche malattie come la febbre dengue e la malaria, introducendo una versione alterata di questo insetto che non morde e può solo schiudere la prole maschile.

Secondo l'outlet, la 'Bill and Melinda Gates Foundation' ha promesso circa 4,1 milioni di dollari a Oxitec nel 2018 per "sviluppare una nuova zanzara che avrebbe preso di mira la malaria nelle Americhe, nell'Asia meridionale e nell'Africa orientale", con la fondazione che in precedenza aveva fornito anche circa 19,7 milioni "per un progetto a cui Oxitec ha preso parte".

Secondo quanto riferito, l'iniziativa di rilascio delle zanzare è stata osteggiata da un numero significativo di abitanti locali e da "attivisti ed esperti esterni", con critici che indicano possibili difetti scientifici nel piano e citano una presunta mancanza di test di sicurezza.

Notando la mancanza apparente di "prove controllate in modo indipendente" che lo schema delle zanzare possa effettivamente contribuire a ridurre la trasmissione della malattia nella regione e non darà luogo a nuovi problemi, l'outlet ha sottolineato anche che alcuni locali ritengono che questo esperimento sia essenzialmente stato imposto su di loro.

"Lo trovo un atto criminale, che siamo vittime di bullismo in questo esperimento", ha detto un residente durante una recente riunione del consiglio comunale. "Trovo illecito che siamo sottoposti a questo terrorismo dal nostro Consiglio di controllo delle zanzare delle Florida Keys."
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook