11:57 09 Maggio 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
290
Seguici su

Un team guidato dal geologo cileno Carlos Arévalo aveva portato alla luce i resti negli anni '90 e per tutti questi anni sono state eseguite approfondite ricerche fino a determinare, nello studio scientifico pubblicato questa settimana, che si tratta di una nuova specie mai catalogata prima. Si tratta di uno dei più grandi titanosauri noti.

Sulla base delle ossa fossili ritrovate - un omero, un femore, vertebre del collo, della schiena e l'ischio – i ricercatori valutano che la creatura misurasse ‘solo’ 6,3 metri, ma si trattava di un esemplare non adulto alla morte per cui non è chiaro che dimensioni potesse raggiungere in età avanzata, considerato che i dinosauri non smettevano di crescere da adulti.

I risultati pubblicati questo lunedì sulla rivista Cretaceous Research, dopo decenni di studi, classificano la creatura rinvenuta come unica nel suo genere. Si tratta di un titanosauro erbivoro sauropode dal collo lungo, la testa piccola e la schiena insolitamente piatta.

Il ritrovamento è avvenuto nei pressi della cittadina di Copiapó, nel nord del Cile, nell’arido deserto dell’Atacama. Le precipitazioni medie annue nella regione di Arica, più a nord, sono inferiori al millimetro all’anno, rendendo nota la regione per essere considerata la più arida in assoluto sul nostro pianeta.

Il ritrovamento di un tale erbivoro, che evidentemente per nutrirsi aveva bisogno quotidianamente di una quantità enorme di vegetali, indica che questa regione, almeno 66 milioni di anni fa, prima della grande estinzione di massa del Cretaceo, avesse un aspetto del tutto differente da quello odierno.

Dinosauro Arackar licanantay
© REUTERS / Museo Nacional De Historia Natur
Dinosauro Arackar licanantay

La creatura è stata chiamata Arackar licanantay, che significa ‘ossa degli atacama’ nella lingua indigena Kunza, l’antica lingua che il popolo atacama nel nord del Cile e nel sud del Perù parlava prima che arrivassero i conquistatori europei.

I resti saranno esposti nel Museo di Storia Naturale del Cile. Il responsabile dell'area paleontologica del museo, David Rubilar, ha dichiarato: "Questo rappresenta una pietra miliare rilevante per il patrimonio paleontologico cileno".

Questa è la terza nuova specie di dinosauro individuata in Cile.

Chi è il più grande in assoluto?

Essendo questo Arackar licanantay un esemplare non adulto, non è noto sapere quanto la sua specie potesse arrivare a primeggiare in grandezza, è tuttavia noto che una specie simile, chiamata Patagotitan mayorum, poteva arrivare a superare i 37 metri di lunghezza, stando ai resti fossili di un esemplare adulto rinvenuti nella vicina Argentina nel 2014 e risalenti ad almeno 100 milioni di anni fa.

Dinosauro Arackar licanantay
© REUTERS / Museo Nacional De Historia Natur
Dinosauro Arackar licanantay

Secondo alcuni studiosi tuttavia, neppure il Patagotitan mayorum sarebbe l’animale più grande mai esistito sulla Terra – il Maraapunisaurus, sauropode vissuto circa 150milioni di anni fa, sarebbe stato, secondo alcune stime, lungo fino a 58 metri con una massa di 112 tonnellate. Di quella specie però non restano testimonianze se non gli studi compiuti fino al 1870, anno in cui l’unica vertebra ritrovata andò perduta.

In ogni caso, se parliamo di grandezza intesa come massa, il primato spetta ad un animale ancora in vita. La Balenottera azzurra infatti (Balaenoptera musculus), pur essendo più corta rispetto ai più grandi titanosauri (raramente supera i 33 metri) può arrivare a pesare tranquillamente 150 tonnellate.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook