21:24 12 Aprile 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
0 140
Seguici su

Grazie alla scansione ai raggi X di sincrotone possiamo scoprire i dettagli più minimi delle ossa dei fossili nostri antenati e scoprire i loro segreti.

Little Foot è un precursore dell’umanità che oggi cammina sulla Terra. Lui abitava nell’Africa del sud 3,67 milioni di anni fa, in una fase dell’evoluzione molto critica per il genere umano.

Ora grazie all’innovazione tecnologica nella scansione dei reperti fossili, Little Foot ha mostrato nuovi particolari molto interessanti per ricomporre il puzzle dell’evoluzione.

Scansionando con i raggi X di sincrotone in particolare la volta cranica e la mascella inferiore di Little Food, i ricercatori hanno potuto acquisire delle informazioni sulla biologia della specie che il fossile rappresenta e sulle difficoltà incontrate da questa donna di 3,67 milioni di anni fa nella sua vita.

Lo scheletro più completo dell'Australopithecus Little Foot trovato nella Grotta di Sterkfontein, in Sud Africa
© REUTERS / RJ Clarke
Lo scheletro più completo dell'Australopithecus Little Foot trovato nella Grotta di Sterkfontein, in Sud Africa

La sua specie viene classificata infatti come Australopithecus prometheus, mentre il fossile di Lucy è un Australopithecus afarensis.

Cos’è stato identificato

Grazie a questa eccezionale scansione è stato possibile identificare le impronte dei canali vascolari nell’osso spugnoso. Si tratta probabilmente dei canali vascolari usati per la termoregolazione cerebrale, ha riferito Amélie Beaudet dell’Università di Cambridge, come riportato da Reuters.

Questa scoperta è importante perché porta alla comprensione del perché il cervello dell’Australopiteco era di 3 volte più grande rispetto a quello degli esseri umani odierni.

Grazie alla scansione dei denti, poi, si può affermare con ragionevole certezza che Little Foot fosse un esemplare anziano: i suoi denti sono “piuttosto consumati”.

Ma ciò che è sorprendente è l’aver scoperto che Little Foot probabilmente ha vissuto dei momenti di malattia o malnutrizione nella sua vita infantile e questo lo si è appreso dai difetti dello smalto dei denti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook