15:22 05 Marzo 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Il Servizio Sanitario Nazionale (NHS) del Regno Unito ha identificato una mutazione del cosiddetto ceppo "britannico" del coronavirus.

Secondo quanto dichiarato in un documento delle autorità sanitarie della Gran Bretagna, la mutazione denominata E484K, precedentemente identificata nelle varianti "sudafricana" e "brasiliana" del coronavirus, è stata rilevata in 11 pazienti contagiati dal ceppo "britannico".

Allo stesso tempo, nessuno dei pazienti aveva viaggiato all'estero ultimamente, il che indica che il ceppo mutato si diffonde all'interno del Paese.

Nella giornata di ieri in diverse regioni del Regno Unito, tra cui anche tre quartieri di Londra, sono stati segnalati alcuni casi di contagio dalla variante sudafricana del virus. Le autorità pianificano l'aumento dei test sulla popolazione delle zone in questione, ai cui residenti saranno inviati kit per il test molecolare.

Gli scienziati temono che i ceppi mutati non solo potrebbero essere più contagiosi ma anche capaci di sormontare l'immunità sviluppata negli organismi di coloro che sono guariti dal COVID-19 e vaccinati.

A dicembre dopo l'identificazione in Gran Bretagna del nuovo ceppo, più contagioso, del coronavirus, molti paesi hanno chiuso i confini con il Regno Unito. La Gran Bretagna stessa ha chiuso i confini con tutta l'America Latina, Portogallo ed alcuni paesi africani, poiché in questi ultimi erano stati rilevati nuovi ceppi di COVID-19.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook