16:04 25 Gennaio 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
Di
3150
Seguici su

La Nasa lo segue nel suo viaggio nell’universo. Il corpo celeste sarà alla distanza minima il 6 maggio 2022, ma per gli esperti non ci sono rischi reali, perché è più piccolo di quanto ipotizzato.

Un nuovo asteroide è diretto verso la Terra. Si tratta di 2009 JF1, un corpo celeste classificato come “potenzialmente pericoloso” che è stato scoperto 12 anni fa.

Il 6 maggio 2022, secondo i calcoli della Nasa, che sta seguendo il suo viaggio attraverso il sistema Sentry, che calcola il rischio di impatto, sarà alla distanza minima dalla Terra.

L’Asi: non ci sono rischi

I primi calcoli di un potenziale impatto, però, sono stati smentiti dall’esperto dell’Agenzia Spaziale italiana Ettore Perozzi.

"Vediamo che questo corpo celeste non ha dimensioni preoccupanti, né tanto meno simili a quelle della piramide di Cheope: è piccolo ed ha un diametro di 13 metri ".

Inoltre secondo Perozzi, che smentisce le varie teorie circolate sul web, la distanza calcolata dal passaggio vicino alla Terra è di circa 12 milioni di chilometri (circa 30 volte in più la lontananza che ci separa dalla Luna) e, per questo, la probabilità di impatto resta molto bassa, pari allo 0,026%.

I calcoli sul rischio di impatto

Lo studioso dell’Asi ha spiegato che per valutare l’effettiva pericolosità del corpo celeste sono stati presi in considerazione due parametri: il primo è il punteggio sulla Scala Torino (TS) e valuta da zero a dieci la pericolosità di un oggetto combinando anche la probabilità di impatto con potenziale danno derivato.

"Nel caso dell'asteroide 2009 JF1 il valore è pari a zero, dunque non c'è da preoccuparsi", ha detto Perozzi.

Il secondo criterio riguarda la Scala Palermo (PS) che rappresenta una scala logaritmica più complessa usata per valutare il rischio di impatto: "In questo caso ha un valore negativo, segno che non c'è da allarmarsi. Infatti l'asteroide, seppure monitorato nella lista dei potenziali rischi, non è considerato tra le priorità".

Gli errori di calcolo passati

Sull’asteroide 2009 JF1 sono state scritte centinaia di notizie da quando 12 anni fa è stato scoperto in un laboratorio dell’Alabama.

Inizialmente la sua massa era stata considerata notevolmente più grande, con dimensioni medie paragonabili a quelle della Piramide di Cheope e un diametro di 130 metri.

Se un asteroide di queste dimensioni colpisse la Terra sprigionerebbe un’energia pari a 15 volte quella della bomba su Hiroshima.

Ma grazie alle ultime osservazioni della Nasa e dell’Agenzia spaziale europea questi dati sono stati corretti e il diametro è stato decisamente ridimensionato, da 130 a 13 metri.

Tags:
asteroide, ESA, NASA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook