11:54 22 Gennaio 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Oggi teniamo molto alla sicurezza dei nostri dispositivi mobili e temiamo che i nostri dati personali vengano rubati. Ma pochi sanno che anche un albero di Natale può subire un attacco informatico.

In generale i produttori di luci natalizie non prestano attenzione alla loro sicurezza, poiché non c'è letteralmente nulla da proteggere. Tuttavia, essendo appartenenti alla classe dei dispositivi intelligenti in grado di comunicare con uno smartphone, ne presentano le vulnerabilità tipiche, spiegano gli esperti di sicurezza.

"Le vulnerabilità nel processo di autenticazione tra l'applicazione mobile e il dispositivo, come un canale di comunicazione non crittografato, l'uso di login e password inalterabili, consentono a un hacker di analizzare il meccanismo di controllo delle luci e pensare a scenari di hacking", afferma Vladimir Martishin, esperto del Practical Security Analysis Laboratory di Jet Infosystems.

Un altro esperto prende ad esempio l'inchiesta del 2018 sulla pirateria degli alberi di Natale mediante le più apprezzate luci italiane, Twinkly.

"I ricercatori hanno scoperto decine di migliaia di questi dispositivi, disponibili per la scansione remota tramite il motore di ricerca degli hacker Shodan", afferma Elvina Nasibulina, analista di ricerca di prodotti digitali presso il sistema di monitoraggio russo della qualità dei prodotti, Roskachestvo. 

Secondo la Nasibulina, gli hacker possono far lampeggiare le luci da remoto come vogliono. Per dimostrarlo, i ricercatori hanno utilizzato le luci Twinkly, di cui ogni diodo può essere controllato separatamente, riproducendoci il movimento del gioco 'The Snake', e hanno formato la scritta Hack the Planet!.

"Anche se in questo caso non può esserci alcun danno particolare, se gli hacker si impossessano di altri dispositivi intelligenti (come una piastra per capelli, per  esempio), ciò può creare un pericolo di incendio, quindi si consiglia di scollegare i dispositivi intelligenti dalla corrente quando non siamo in casa", avverte l'esperta citata dal quotidiano RG.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook