15:01 24 Gennaio 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
112
Seguici su

Secondo quanto riferito, un precedente dibattito sull'uso della gelatina di maiale nei vaccini ha portato a ritenere la pratica conforme alla legge islamica poiché non fare ricorso ai vaccini porterebbe a "danni maggiori".

I musulmani che non vedono l'ora di essere vaccinati contro il COVID-19 potrebbero dover ricredersi, poiché la gelatina derivata dal maiale viene utilizzata come stabilizzante in molti vaccini per garantire che "rimangano sicuri ed efficaci durante la conservazione e il trasporto". A riferirlo è AP, secondo cui nell'ottobre 2020 religiosi musulmani indonesiani hanno visitato la Cina per determinare se il vaccino contro il coronavirus prodotto "fosse consentito per l'uso secondo la legge islamica".

E mentre Pfizer, Moderna e AstraZeneca hanno già annunciato che i loro vaccini non contengono prodotti a base di carne di maiale, fattori come la carenza di approvvigionamento e "accordi preesistenti del valore di milioni di dollari con altre aziende" porteranno probabilmente - sempre secondo AP - Paesi con una considerevole popolazione musulmana a ricevere vaccini che "non sono stati ancora certificati come privi di gelatina".

Come ha spiegato il dottor Salman Waqar, Segretario generale della British Islamic Medical Association, questa situazione rappresenta un dilemma per le comunità religiose in cui il consumo di carne di maiale è un tabù, come i musulmani e gli ebrei ortodossi.

"C'è una divergenza di opinioni tra gli studiosi islamici sul fatto che tu prenda qualcosa come la gelatina di maiale che ha subito una rigorosa trasformazione chimica - è ancora considerato religiosamente impuro assumerla?", si chiede.

Il Dr. Harunor Rashid, professore associato presso l'Università di Sydney, ha osservato che il "consenso maggioritario scaturito dai dibattiti passati" sull'uso della gelatina di maiale nei vaccini lo ritiene consentito dalla legge islamica, dal momento che non usare i vaccini porterebbe a "danni maggiori".

Il rabbino David Stav, presidente dell'organizzazione ebraica Tzohar, ha anche osservato che "secondo la legge ebraica, il divieto di mangiare carne di maiale o farne uso è valido solo quando la si mangia in un modo naturale" e che "non c'è divieto e nessun problema se viene iniettata nel corpo, "soprattutto quando siamo preoccupati per le malattie".

AP sottolinea che sono state comunque espresse anche "opinioni dissenzienti sulla questione": nel 2018 il Consiglio indonesiano degli ulema ha decretato che i vaccini contro il morbillo e la rosolia "erano 'haram', o illegali, a causa della gelatina".

"I casi di morbillo successivamente sono aumentati, portando all'Indonesia il terzo tasso più alto di morbillo nel mondo", ha detto Rachel Howard, direttrice del gruppo di ricerca di mercato sanitario Research Partnership, aggiungendo che mentre il corpo clericale musulmano ha successivamente ritenuto il vaccino ammissibile, alcuni musulmani in Indonesia apparentemente "si sentono a disagio nell'accettare vaccinazioni contenenti questi ingredienti".

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook