07:02 23 Gennaio 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
138
Seguici su

Il direttore del laboratorio di microbiologia dell’Università di Padova ha spento facili entusiasmi sull'effetto immediato del vaccino nel contenimento della pandemia, esprimendo comunque soddisfazione per la mobilitazione delle risorse e per la risposta della scienza a questa sfida.

"Per il vaccino ci vorrà del tempo e prima di sapere se il 70% della popolazione italiana avrà effettivamente aderito - e penso che lo sapremo verso giugno, se tutto andrà bene - avremo il problema di come controllare l’epidemia. Questa è la vera sfida, non credo che la vaccinazione avrà un impatto prima di 6 o 7 mesi, se tutto va bene”, ha detto Crisanti all'evento Sky TG24 Live In Courmayeur.

In ogni caso il professore ha espresso soddisfazione per le risorse mobilitate e per come la ricerca abbia risposto a una così grande sfida in un tempo limitato.

"L’aspetto più positivo è stato vedere una mobilitazione di risorse, cioè di quattrini, di menti e di creatività, che ha trovato soluzioni sicuramente innovative. Non era mai accaduto che un vaccino venisse portato a questo stadio in meno di un anno, quindi penso che da questo punto di vista sia un grandissimo successo della ricerca e della capacità umana di rispondere a questa sfida incredibile", ha dichiarato. 
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook