02:00 02 Marzo 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
305
Seguici su

La presidente della Commissione europea ha dichiarato che le prime vaccinazioni potrebbero essere effettuate entro dicembre.

Pfizier Inc. e il suo partner europeo BioNTech hanno chiesto questo lunedì all'Agenzia europea dei medicinali (Ema) l'autorizzazione per il candidato vaccino anti-covid. Lo riferisce la società tedesca in un comunicato. 

Il candidato vaccino sviluppato dalle biotech, BNT162b2, è un vaccino mRNA, ed ha mostrato un'efficacia pari al 95% contro COVID-19. 

"Questa presentazione completa il processo di revisione progressivo avviato il 6 ottobre 2020, con dati non clinici e dati parziali di chimica, produzione e controlli (CMC), seguiti da dati clinici emergenti presentati da Pfizer e BioNTech", si legge nel comunicato. 

In caso di approvazione dell'Ema, se i benefici accertati del vaccino candidato superano i rischi nella protezione contro il Covid-19, l'uso di BNT162b2 in Europa potrebbe essere consentito prima della fine del 2020. 

"L'annuncio di oggi segna un'altra pietra miliare nell'impegno per mantenere la nostra promessa di fare tutto il possibile per affrontare questa grave crisi data la necessità critica di salute pubblica", ha affermato il dott. Albert Bourla, presidente e CEO di Pfizer. "Sappiamo dall'inizio di questo viaggio che i pazienti stanno aspettando e siamo pronti a spedire le dosi di vaccino Covid-19 non appena le potenziali autorizzazioni ce lo consentiranno".

"In qualità di azienda situata nel cuore dell'Europa, la pietra miliare di oggi è importante per noi mentre continuiamo a cercare di consentire una fornitura a livello mondiale su potenziale approvazione di BNT162b2", ha affermato Ugur Sahin, MD, CEO e co-fondatore di BioNTech. "Continueremo a lavorare con le agenzie di regolamentazione di tutto il mondo per consentire la rapida distribuzione, se il vaccino dovesse ricevere l'approvazione, contribuendo agli sforzi congiunti per consentire al mondo di guarire e riprendere il suo normale ritmo di vita".

Oltre alla presentazione all'EMA, alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti e all'agenzia britannica per la regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA), le società hanno avviato la richiesta di autorizzazione alle agenzie di regolamentazione in tutto il mondo, incluso Canada, Australia e Giappone. 

Luce in fondo al tunnel

"Se tutto va bene, i primi cittadini europei potrebbero essere vaccinati prima della fine di dicembre e questo sarebbe un enorme passo verso il ritorno a una vita normale", ha detto Ursula Von Der Leyen, la presidente della Commissione europea, alla conferenza on line delle commissioni per gli Affari europei dei Parlamenti nazionali.

"C'è una luce in fondo al tunnel, ma dobbiamo essere disciplinati fino a che avremo una vaccinazione appropriata all'eradicazione di questo virus", ha aggiunto. "L'incertezza continua, ma in modo diverso da marzo: oggi sappiamo che c'è una via d'uscita e la buona notizia è che abbiamo gli strumenti per combattere il virus", ha spiegato.

L'Ue si è dotata di un portafoglio con 6 vaccini contro il Covid-19 ed ha assicurato 2 miliardi di dosi per la campagna di vaccinazione contro l'epidemia. 

Tags:
Coronavirus, vaccino, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook