08:48 16 Maggio 2021
Scienza e tech
URL abbreviato
1101
Seguici su

La società Kalashnikov ha ottenuto il brevetto per la motocicletta elettrica Izh-Pulsar. Con le immagini del modello apparse nel database dell'ente russo responsabile dei brevetti, Rospatent, potete immaginare come sarà la nuova motocicletta civile russa, mentre la sua versione per la polizia viene già utilizzata dalle forze dell'ordine.

Il modello civile si distingue per i suoi elementi strutturali esterni ed è verniciato nero opaco, a differenza del modello polizia bianco e blu.

La moto è equipaggiata con il motore cinese Golden Motor HRM10KW con una potenza di 20 cavalli (15 kilowatt), alimentato da una batteria al litio con una capacità da 38 a 160 ampere all'ora (dipende dalla modifica). Con una singola carica, la moto elettrica è in grado di percorrere da 50 a 250 chilometri.

​Il gruppo Kalashnikov aveva presentato nel 2019 un'altra novità con il marchio Izh: una cafe racer come il modello popolare nel Regno Unito negli anni '50. È in grado di arrivare fino a 100 km/h. Ha una potenza del motore di 68 cavalli e un'autonomia di 80 chilometri.

Inoltre, l'azienda sta sviluppando una motocicletta elettrica che farà parte della linea russa di veicoli di lusso Aurus. Le immagini del brevetto sono già state pubblicate.

La produzione della motocicletta elettrica Aurus inizierà nel 2022 e non sarà messa in vendita fino al 2023. Questa motocicletta sarà in grado di accelerare da 0 a 100 chilometri orari in 3,5 secondi. La velocità massima sarà di 250 chilometri orari.

Nel 2018 il gruppo Kalashnikov aveva firmato con la società Mawarid Holding degli Emirati Arabi un memorandum per la fornitura di mezzi di trasporto elettrici in questo Paese.

L'azienda sta creando una famiglia di motociclette elettriche civili e per la polizia. Questi faranno parte del progetto Kortezh, che include la produzione di auto di lusso Aurus per le massime cariche dello Stato.

Tags:
Russia, Scienza e Tecnica, Tecnologia, Motociclismo, Kalashnikov
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook