22:15 03 Dicembre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
210
Seguici su

La sudorazione senza alcuna causa evidente sarebbe uno dei segni più comuni che annunciano il morbo di Parkinson secondo l’American Parkinson Disease Association.

Il tabloid britannico Express (Daily e Sunday Express), riporta gli studi dell’American Parkinson Disease Association (APDA), secondo i quali una eccessiva e ingiustificata sudorazione potrebbe essere uno dei segnali di allarme significativi che preannunciano il morbo di Parkinson.

Come noto il morbo di Parkinson è una malattia degenerativa del sistema nervoso centrale a progressione lenta, le cui manifestazioni principali sono disturbi del movimento come ipocinesia, rigidità muscolare, tremore a riposo e disturbi posturali.

I sintomi della malattia di Parkinson tendono a svilupparsi gradualmente e all'inizio appaiono molto lievi ma nel tempo peggiorano inesorabilmente.

Uno dei principali segnali di allarme precoce della condizione neurodegenerativa potrebbe essere l'eccessiva sudorazione sostengono i medici dell’APDA.

Tale sudorazione è più probabile che colpisca la metà superiore del corpo e i soggetti che si sentono spesso insolitamente sudati senza alcuna spiegazione ovvia, dovrebbero considerare di parlare con un medico, si legge nella pubblicazione.

"Non tutti i malati di Parkinson hanno un tremore, né un tremore è una prova del Parkinson. Se sospetti il morbo di Parkinson, consulta un neurologo o uno specialista in disturbi del movimento. Poiché la malattia di Parkinson è un tipo di disturbo del movimento, i sintomi non motori associati possono spesso essere trascurati. L'eccessiva sudorazione è un segno relativamente comune del Parkinson, soprattutto se la malattia non viene curata. Succede più spesso nella parte superiore del corpo. Ma solo perché inizi a sudare eccessivamente, non significa necessariamente che hai il morbo di Parkinson”, scrive l’APDA.

Dati statistici rilevano che in Italia i malati di Parkinson sarebbero circa un quarto di milione ma secondo il Professor Gianni Pezzoli, direttore del Centro per la Malattia di Parkinson e i Disturbi del Movimento di Milano, i dati sui consumi di farmaci specifici per tale malattia rivelerebbero che potrebbero essere in realtà circa 600mila, cioè ben uno ogni 100 abitanti. Secondo l’OMS il morbo di Parkinson sarebbe la patologia neurologica in più rapida crescita nel mondo.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook