03:29 28 Novembre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Miliardi di anni fa la Luna potrebbe aver perso un frammento di sé, distaccatosi durante una collisione cosmica. Il frammento è oggi un asteroide troiano di Marte.

Una associazione affascinante è stata ipotizzata da uno studio scientifico pubblicato sulla rivista Icarus. Grazie alle osservazioni fatte con il Very Large Telescope in Cile, i ricercatori del team internazionale, tra cui quelli dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), hanno ipotizzato che l’asteroide (101429) 1998 VF31 potrebbe essere una “costola” della Luna distaccatasi in epoca remota, ovvero quando pianeti e satelliti erano ancora in formazione.

Attualmente l’asteroide troiano in questione orbita intorno al pianeta Marte, ma l’analisi della sua composizione lo vorrebbe molto simile alle caratteristiche della Luna.

Inizialmente le analisi dello spettro sono state confrontate soltanto con altri asteroidi troiani di Marte, ma non è stata trovata alcuna corrispondenza. La ricerca è stata così estesa per confrontare lo spettro di (101429) 1998 VF31 con altri corpi celesti del Sistema solare.

Da qui la sorprendente scoperta della corrispondenza spettrale tra l’asteroide troiano di Marte e la composizione spettrale della Luna.

Le ipotesi

Secondo lo studio l’appartenenza dell’asteroide alla Luna, in epoca molto remota, è solo una delle ipotesi.

Una seconda teorizzazzione prevede che l’asteroide ha subito in miliardi di anni una trasformazione che lo fa assomigliare alla Luna per l’esposizione alla radiazione solare. Il processo è chiamato space weathering.

Una terza ipotesi disegna uno scenario del tutto diverso e ipotizza che in realtà l’asteroide possa essersi originato da Marte stesso.

Correlati:

Asteroide Bennu, sonda Nasa OSIRIS-REX guidata da ‘navigatore stellare’ italiano
La NASA la prossima settimana annuncerà una "emozionante nuova scoperta" che riguarda la Luna
La NASA ha scoperto l'acqua sulla superficie lunare esposta al Sole
Tags:
asteroide, Luna
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook