03:23 03 Dicembre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 12
Seguici su

Un gran numero di asteroidi passerà nei prossimi giorni vicino alla Terra, secondo il sito web di una delle divisioni della NASA.

L'Istituto di Astronomia dell'Accademia Russa delle Scienze non vede nulla di insolito in questo.

Sei asteroidi di dimensioni variabili da uno e mezzo a 46 metri passeranno vicino alla Terra il 19 ottobre a distanze da 150mila chilometri (metà della distanza dalla Luna) a 6 milioni 150mila chilometri, secondo il sito web di una delle divisioni della Nasa.

Martedì 20 ottobre il numero di asteroidi quasi raddoppierà. 10 asteroidi con dimensioni da 7 a 73 metri voleranno vicino alla Terra. Passeranno a una distanza da 690mila chilometri a 7 milioni 449mila chilometri.
Altri sei asteroidi si avvicineranno alla Terra il 21 ottobre. Le loro dimensioni vanno da 3,8 metri a 35 metri e la traiettoria di volo va da 46mila chilometri (10 mila chilometri più lontani dei satelliti geostazionari come i dispositivi di comunicazione e di trasmissione televisiva) a 576mila chilometri.

Non c'è niente di sorprendente in un tale numero di asteroidi che voleranno vicino la Terra, hanno spiegato a Sputnik dall'Istituto di Astronomia dell'Accademia Russa delle Scienze.

"Se, ad esempio, i sistemi di monitoraggio rilevano oggetti stanotte, li rilevano 3-5 giorni prima dell'arrivo. Ogni notte vengono rilevati più di una decina di oggetti, fino a 20. E alcuni di essi diventano visibili quando si avvicinano alla Terra. Non c'è nessuna anomalia. Se guardiamo ogni giorno, ci saranno diversi avvicinamenti", ha detto a Sputnik il ricercatore senior presso il Dipartimento di studi sul sistema solare presso l'Istituto di Astronomia dell'Accademia russa delle Scienze Sergey Naroenkov.

In precedenza erano state svelate le conseguenze di un eventuale impatto di un asteroide che passerà vicino il nostro pianeta il 2 novembre, alla vigilia delle presidenziali statunitensi.

Tags:
Astronomia, Scienza e Tecnica, Spazio, Asteroidi
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook