11:49 20 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 32
Seguici su

I procuratori del Dipartimento di Giustizia e gli uffici del procuratore generale stanno valutando le soluzioni per frenare il potere di mercato del gigante della ricerca mentre si preparano a citare in giudizio la società.

Il Dipartimento di Giustizia e i pubblici ministeri che stanno indagando su Google per presunte violazioni dell'antitrust stanno valutando se costringere la società a vendere il suo browser Chrome e parti della sua redditizia attività pubblicitaria, hanno detto venerdì tre persone a conoscenza delle discussioni.

Questa battaglia legale antimonopolistica che il Dipartimento di Giustizia dovrebbe iniziare nelle prossime settimane potrebbe portare alla prima scissione di un'azienda statunitense ordinata dal tribunale da decenni. Le vendite forzate rappresenterebbero anche grandi battute d'arresto per Google, che utilizza il suo controllo del browser web più popolare al mondo per aiutare il motore di ricerca, la chiave delle sue fortune.

Il Dipartimento di Giustizia sta preparando separatamente una causa antitrust che accusa Google di aver abusato del suo controllo sul mercato della ricerca online, che il dipartimento potrebbe presentare la prossima settimana. Gli obiettivi di tali indagini dovrebbero includere il modo in cui Google utilizza il suo sistema operativo mobile Android per aiutare a rafforzare il suo motore di ricerca, ha riferito POLITICO la scorsa settimana.

I portavoce di Google e del Dipartimento di giustizia si sono rifiutati di commentare le voci ai media venerdì.

Le nuove indagini derivano dal fatto che Google e altri colossi dell'IT come Apple, Amazon e Facebook sono sempre più accusati sia dai repubblicani che dai democratici a Washington per diversi tipi di attività ritenute monopolistiche, come la distruzione dei concorrenti, l'elaborazione e l'amministrazione dei dati degli utenti privati ​​e la disinformazione nelle elezioni presidenziali.

Quindi tra le varie analisi e indagini il Dipartimento di Giustizia e gli avvocati generali si stanno consultando con rivali e ad altre terze parti per capire quali parti della società Google dovrebbe vendere. 

Gli avvocati inoltre hanno anche chiesto se una qualsiasi delle proprietà di Google dovesse essere messa in vendita ad esclusione del mercato della tecnologia relativa alla pubblicità, e alcuni hanno indicato il browser Chrome di Google.

L'accusa non solo richiede che Google venda il browser, ma può anche chiedere a un tribunale di limitare le azioni di Google

Google Chrome

Il browser, introdotto da Google nel 2008 e che detiene la maggiore quota di mercato negli Stati Uniti, è costantemente criticato dai concorrenti di Google, che affermano che il gigante della ricerca usa il suo accesso alle ricerche degli utenti per aiutare le tue attività promozionali.

Questa critica si è intensificata a gennaio quando Google ha annunciato che avrebbe rimosso l'uso di cookie di terze parti dal proprio browser Chrome entro due anni "per proteggere meglio" la privacy dei consumatori. Tuttavia, i cookie, piccoli file che un browser utilizza per tracciare le visite al sito Web, sono anche uno strumento importante per gli editori per dimostrare l'efficacia delle campagne pubblicitarie agli inserzionisti. Non si tratta dell'unico browser che blocca l'uso dei cookies, tuttavia a causa della sua altissima diffusione (60% dei computer e il 37% degli smartphone in USA) questo avrebbe una influenza molto più ampia.

Google stima che la rimozione di questi cookie ridurrà le entrate pubblicitarie nei media che pubblicano annunci online del 62%.

Google "stabilisce standard nel settore"

Inoltre in un altro importante rapporto antitrust pubblicato questa settimana dal Comitato giudiziario della Camera si è rilevato che l'enorme quota di mercato di Chrome consente a Google di "stabilire standard nel settore", una questione di particolare rilevanza nel momento in cui Chrome rimuoverà i cookies.

Di conseguenza la possibilità che gli standard introdotti da Google servano principalmente i suoi stessi interessi può portare a un forte sbilancio a favore del colosso di IT in quanto, quest'ultimo, a differenza della altre aziende del settore, potrà continuare a fare affidamento sui dati che raccoglie nel proprio ecosistema.

 

Correlati:

Google pagherà 1 miliardo di USD ai news publishers, parola di Sundar Pichai
Google: app di tracciamento del contagio "vengono esplorate" in 20 Stati e territori degli USA
Google Maps ora mostra la diffusione dei casi di Covid-19
Tags:
Google
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook