12:04 20 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 30
Seguici su

Durante il periodo della pandemia è molto importante mangiare correttamente e nel modo più naturale possibile. Gli specialisti spiegano perché dovremmo mangiare pensando a mantenere la nostra immunità, dal momento che non tutti i prodotti che consumiamo abitualmente risultano essere buoni per la nostra salute.

Fast food, cibi in scatola e fritti non sono adatti a mantenere l'immunità, soprattutto durante la pandemia di coronavirus, ha avvertito Olga Nenastina, l'epidemiologa dell'ospedale clinico della città di Vidnoye, situata a tre chilometri da Mosca.

"Bisogna astenersi dal mangiare cibo in scatola: questi prodotti trasformati industrialmente sono privi di valore nutritivo", dice il medico.

Inoltre, la specialista consiglia di ridurre il consumo di cibi fritti e fast food, nonché di eliminare lo zucchero dalla dieta, poiché influisce negativamente sulle pareti dei vasi.

Secondo la Nenastina, è necessario aumentare la nostra immunità durante il periodo di pandemia. Il medico ha raccomandato di aggiungere alla dieta verdure, che contengono vitamine e minerali, oltre a mangiare pesce, crostacei e latticini.

In precedenza, la fitness trainer e nutrizionista Arina Skoromnaya ha indicato i cibi sani che possono rivelarsi dannosi. Ha affermato che gli alimenti a basso contenuto di grassi che sono considerati benefici per la salute, se consumati in modo errato, possono, al contrario, danneggiare chi li assume.

L'esperta ha sottolineato che i grassi sono necessari per l'organismo e non è bene escluderli dalla dieta. Inoltre ha aggiunto che il calcio non viene assorbito senza di loro, riducendo a zero i benefici dei latticini a basso contenuto di grassi.

In un'intervista rilasciata a 'Sputnik' nel marzo di quest'anno, la Skoromnaya ha assicurato che si deve tener conto del fatto che l'assorbimento di calorie e sostanze nutritive nel corpo dipende da molti fattori, come le condizioni fisiche e mentali.

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook