00:43 22 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
607
Seguici su

La società Life On ne avrebbe dovute vendere 100 mila dosi alla Regione Lombardia nell'ambito di una gara riguardante un totale di 500 mila vaccini. La centrale acquisti della regione Aria ha garantito che non saranno più comprati.

L'Aifa, Agenzia italiana del farmaco, non ha concesso l'autorizzazione al lotto di 100 mila vaccini antinfluenzali forniti dalla società cinese Life On, una parte dei 500 mila vaccini richiesti commissionati tramite una gara dalla Regione Lombardia.

Intanto la sua centrale acquisti Aria rende noto in una nota che "non verrà acquisito, e quindi distribuito, alcun vaccino che non abbia ottenuto le autorizzazioni previste dalla legge e le conseguenti scrupolose verifiche". 

"In merito alla notizia riguardante l'aggiudicazione di una fornitura di 100 mila vaccini antinfluenzali per la Regione Lombardia, aggiuntivi rispetto a quelli già acquistati, si sottolinea che Aria ne ha determinato l'assegnazione subordinandone tuttavia l'efficacia giuridica a seguito dell'avvenuta AIC (Autorizzazione per l'immissione in commercio) per l'Italia da parte di AIFA, l'Agenzia Italiana del Farmaco. Fino a quel momento non ci sarà alcun acquisto né alcuna forma di pagamento da parte dell'istituzione regionale", si legge sempre nella nota.

Una battuta d'arresto che però non ferma la campagna antinfluenzale della Regione.

"Tutto questo non pregiudica la campagna vaccinale antinfluenzale in quanto le dosi già acquisite da Regione Lombardia nel corso dei mesi ammontano a 2,9 milioni di unità", conclude la nota.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook