20:07 24 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
131
Seguici su

I meteorologi hanno registrato il più grande buco dell'ozono in Antartide negli ultimi anni, ha detto in un briefing la portavoce dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale Claire Nullis.

"Gli scienziati del Copernicus Atmospheric Monitoring Service confermano che il buco dell'ozono sull'Antartide è uno dei più grandi e profondi degli ultimi anni. L'analisi mostra che il buco dell'ozono ha raggiunto la sua dimensione massima", ha detto.

Nullis ha ricordato che lo strato di ozono protegge il pianeta dai dannosi raggi ultravioletti del Sole e che la comparsa di buchi di ozono è un fenomeno stagionale.

Secondo la professoressa Nullis, il buco dell'ozono sull'Antartide è cresciuto rapidamente da metà agosto e ha raggiunto il suo picco all'inizio di ottobre con un'area totale massima di circa 24 milioni di chilometri quadrati. Il buco è ora di 23 milioni di chilometri quadrati, sopra la media degli ultimi dieci anni, e copre la maggior parte dell'Antartide.

L'Organizzazione Meteorologica Mondiale sottolinea che l'emergere del buco dell'ozono rimanda alla necessità di conformarsi al protocollo di Montreal, che vieta le emissioni di sostanze chimiche dannose per l'ozono. Secondo gli esperti dell'organizzazione, l'applicazione delle misure prescritte nel protocollo porterà alla ricostituzione dello strato di ozono entro il 2060 potrà tornare al livello che esisteva prima del 1980.

O3 - Ozono

l'ozono (O3) è un gas ossidante altamente velenoso per gli esseri viventi se presente a bassa quota.

In alta quota invece, è un gas essenziale al mantenimento della vita sulla Terra, poiché assorbe le radiazioni dannose ultraviolette provenienti dal Sole.

  • Lo strato di ozono si forma principalmente alle latitudini tropicali, dove vi è maggiore irradiazione solare, sono infatti gli stessi raggi UV che, colpendo le molecole di ossigeno (O2), le scindono.
  • Queste poi vanno a ricombinarsi con altre molecole di O2 formando l’O3, appunto l’ozono.
  • Le circolazioni atmosferiche vanno poi a redistribuire l’ozono su tutto il pianeta, poli compresi.

Per la loro capacità di distruggere lo strato di ozono della stratosfera, i freon sono stati banditi dalla produzione e dall'utilizzo. È anche diminuito molto l'uso dei CFC (Clorofluorocarburi) anche se non sono mai stati aboliti del tutto.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook