12:09 30 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 31
Seguici su

Un gruppo di astronomi ha scoperto 'Terra Pi Greco', un esopianeta di dimensioni simili alla Terra che orbita attorno alla sua stella ogni 3,14 giorni.

I ricercatori hanno trovato prove dell'esistenza del pianeta extrasolare nei dati registrati nel 2017 dal telescopio spaziale Kepler, nell'ambito della missione K2. Quest'anno, con l'aiuto di una rete di telescopi terrestri Speculoos, gli scienziati del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno confermato la scoperta.

I segnali rilevati dagli astronomi indicano che l'esopianeta appena scoperto si sta muovendo con "la precisione di un meccanismo dell'orologio". Il suo periodo orbitale è simile al numero pi greco, cioè completa un'orbita ogni 3,14 giorni.

Poiché è il 315° sistema planetario scoperto grazie ai dati della missione K2, il nuovo pianeta è stato chiamato K2-315b. Il corpo celeste, tuttavia, si è guadagnato il soprannome informale 'Earth Pi' ('Terra Pi Greco'), a causa della sua somiglianza con il nostro pianeta.
Secondo le stime degli scienziati, K2-315b ha un raggio pari a 0,95 quello della Terra, cioè ha quasi le stesse dimensioni del nostro pianeta. Orbita attorno a una stella fredda, la cui dimensione è circa il 20% del Sole, a una velocità di 81 chilometri al secondo.

Gli scienziati non hanno ancora determinato la massa di K2-315b, ma sospettano che sia simile a quella del nostro pianeta. Tuttavia probabilmente non si tratta di un mondo abitabile, notano gli astronomi. La sua vicinanza alla stella su cui orbita fa sì che le temperature del pianeta raggiungano circa 176° C.

La cosa interessante di questo particolare pianeta, oltre alle sue associazioni con la costante matematica pi greco, è che sembra essere un promettente candidato per uno studio approfondito delle caratteristiche della sua atmosfera con il James Webb Space Telescope, ha reso noto del MIT. Ma per ora, il team continuerà a cercare segni di pianeti simili alla Terra.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook