06:01 24 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Da 0 a 100 km / h in soli 2,8 secondi e da 0 a 200 in soli 7. Con più funzionalità rispetto al suo predecessore 720S, il nuovo modello della gamma Super Series della casa britannica offre ai suoi utenti la possibilità di personalizzare i veicoli e configurarli a proprio piacimento.

La nuova supersportiva McLaren 765LT monta un motore biturbo 4.0 V8 migliorato con 765 CV e 800 Nm di coppia massima.

La sigla LT allude alla Long Tail ('lunga coda'), che nella tradizione della casa britannica si riferisce al fatto che l'auto da corsa si distingue dal modello precedente per avere un posteriore più lungo. Avere un posteriore più lungo contribuisce in modo decisivo a una maggiore stabilità alle alte velocità.

Ha un cambio automatico a sette rapporti e doppia frizione. Il nome 765LT dà anche l'idea del numero di esemplari che verranno prodotti: solo 765. La sua ottimizzazione ha portato a miglioramenti nell'attrezzatura delle sospensioni e dei freni. A tal fine, si è provveduto a 'snellire' il set e renderlo più leggero rispetto al 720S. Il risultato è che pesa 80 kg in meno, 1229 in totale, e presenta un maggior carico aerodinamico senza compromettere le forme. Ad esempio, il muso incavato del veicolo si distingue per presentare un nuovo splitter con alette su entrambi i lati. Nella parte posteriore, la dimensione dello spoiler è stata aumentata.

L'azienda McLaren ha una divisione incaricata di curare la personalizzazione di ogni veicolo, McLaren Special Operations, strizzando l'occhio all'esclusività delle poche unità da produrre, per le quali il loro prezzo è già noto nel mercato statunitense: circa 358 mila dollari (circa 300 mila Euro).

​"La nuova McLaren 765LT è stata testata sul Circuit Parcmotor Castellolí, dimostrando un'incredibile maneggevolezza con prestazioni spettacolari e un'accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 2,8 secondi. La più veloce e potente LT del marchio britannico", recita il tweet.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook