15:19 31 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 91
Seguici su

I benefici degli alimenti a basso contenuto di grassi sono un mito. Possono persino far male, ha detto in un'intervista a Radio Sputnik Arina Skoromnaya, nutrizionista ed editorialista della rubrica "Fitness" sul canale Pyatnitsa della tv russa.

Alcune persone, quando vogliono perdere peso, iniziano a mangiare solo quei cibi etichettati come "dietetici" o "per dimagrire", in casi estremi, "senza grassi".
Ma non serve a niente. Inoltre, mangiare cibi a basso contenuto di grassi può essere dannoso, ha spiegato la nutrizionista Arina Skoromnaya in un'intervista a Radio Sputnik.

"Gli alimenti a basso contenuto di grassi sono dannosi perché gli esseri umani hanno bisogno di grassi, se mangiamo tutto a basso contenuto di grassi, peggioreremo la nostra salute. Il calcio non viene assorbito senza grassi, quindi non vi è alcun vantaggio pratico nei prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi. Sono stati condotti diversi studi sul fatto che alimenti simili influenzano negativamente il metabolismo", ha notato Arina Skoromnaya.

Un altro prodotto "salutare", i cui benefici sono molto esagerati, sono i succhi di frutta freschi.

"I succhi di frutta non sono utili, soprattutto al mattino. La tradizione di bere succo appena spremuto al mattino non porta alcun beneficio: la glicemia aumenta", ha avvertito Arina Skoromnaya.

Quando si scelgono prodotti dietetici già pronti, è necessario leggere attentamente la composizione e prestare attenzione alla reputazione del produttore.

"L'uso delle barrette fitness dipende dall'azienda che li produce. Ci sono molto buone, di alta qualità e salutari. Bisogna guardare la composizione e il marchio. I prodotti che vengono fabbricati su scala industriale e venduti nei supermercati non sono molto buoni di regola. Anche se sono presentati nel reparto cibo dietetico, cereali fitness e barrette dimagranti possono contenere zucchero", ha aggiunto la nutrizionista.

Tags:
Medicina, Alimentazione, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook