14:49 24 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 02
Seguici su

Almeno 380 globicefali che erano rimasti bloccati al largo della costa occidentale dell'isola australiana di Tasmania sono morti, secondo quanto riferito dalla televisione ABC citando i soccorritori.

Secondo quanto riferito, circa altre 290 balene pilota sarebbero morte poco prima.

Secondo i membri delle squadre di soccorso, il 23 settembre è stato rinvenuto un nuovo gruppo di mammiferi spiaggiati, di circa 200 animali, a circa sette chilometri a sud del luogo lungo la costa dove lunedì 21 hanno ritrovato gli altri cetacei, Macquarie Harbour e la maggior parte dei suoi membri hanno già perso la vita.

Gli sforzi dei soccorritori si concentreranno sul salvataggio delle balene nel primo gruppo.

La rete televisiva ha evidenziato che almeno 50 mammiferi sono stati salvati, ma la vita di altri 30 è ancora in pericolo.

Per il biologo della fauna selvatica Kris Carlyon, che lavora nel Marine Conservation Program, questo è un numero record di balene spiaggiate per la Tasmania.

I globicefali sono un genere di cetacei della famiglia dei delfini oceanici che raggiungono una lunghezza fino a 8,5 metri e pesano tra 800 e 2.000 chili, vivendo tutta la loro vita in grandi gruppi matriarcali.

Questi mammiferi giganti sono noti per i loro enormi spiaggiamenti, le cui cause al momento sono sconosciute, ma si sospetta che quando una balena si arena su un banco di sabbia, gli altri membri del suo gruppo cercano di salvarla e finiscono ugualmente intrappolati.

Correlati:

Gruppo di balene intrappolato in un fiume infestato da coccodrilli - Foto
Due balene nuotano lungo la costa della Francia - Video
Balena fa una piroetta in aria sotto gli occhi dei pescatori - Video
Tags:
Australia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook