05:36 24 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 51
Seguici su

La scoperta potrebbe aprire a nuove, interessanti possiibilità per le strategie di immunizzazione della popolazione mondiale al Covid-19.

I soggetti ammalatisi di febbre Dengue hanno grosse possibilità di sviluppare una certa immunità al Covid-19.

E' quanto emerge da uno studio, ancora non pubblicato, del professor Miguel Nicolelis, ordinario presso l'Università di Duke, negli Stati Uniti.

Come riferito dall'agenzia di stampa Reuters, l'esperto ha chiarito che nelle regioni del pianeta in cui negli ultimi anni si sono registrati dei focolai di Dengue, la diffusione del coronavirus è proceduta a ritmi più sostanzialmente più lenti.

"Questa sensazionale scoperta offre un'intrigante possibilità di reattività immunologica incrociata tra i serotipi del flavirus Dengue e il SARS-CoV-2", ha spiegato 

Secondo lo scienziato, qualora tali ipotesi dovessero essere confermate, sarebbe dunque possibile ottenere un certo grado di immunità al Covid-19 semplicemente facendo il vaccino alla febbre Dengue.

Il Covid-19 nel mondo

Ad oggi sono 31,3 milioni i casi di infezione da coronavirus confermati in tutto il mondo, a fronte di 21,5 milioni di guarigioni e circa 965.000 vittime.

Al primo posto tra i paesi più colpiti, con 6,85 milioni di casi e 200.000 morti, troviamo gli Stati Uniti, seguiti dall'India (5,56 milioni di contagi e 88.935 morti), e dal Brasile (4,56 milioni di contagi e 137.000 morti).

In Russia 1,15 milioni di persone sono state infettate dal virus, mentre il bilancio delle vittime è arrivato a quota 19.649, mentre in Italia l'ultimo bollettino ha confermato 299.506 contagi da inizio pandemia e 35.724 decessi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook