14:17 27 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
120
Seguici su

Secondo l'Agenzia spaziale europea, non è così difficile per gli astronomi rilevare rocce spaziali dal diametro di oltre un chilometro. Ma sembra essere più complicato quando si tratta di corpi extraterrestri più piccoli.

Sembra che almeno cinque asteroidi che misurano tra i 10 e gli oltre 70 metri di diametro si avvicineranno al nostro pianeta questa settimana, ha rivelato il Center for Near Earth Object Studies (CNEOS) della NASA.

Secondo il sistema di tracciamento dell'agenzia, una roccia, denominata 2020 RJ, che si stima raggiunga quasi 42 metri di diametro, passerà sulla Terra martedì sera, a una distanza di circa 1,2 milioni di km. Un'altra, chiamata 2020 RW, volerà nelle nostre vicinanze il 10 settembre, seguita da vicino da 2020 RM, che si avvicinerà al nostro pianeta a una distanza di un milione di chilometri.

Un visitatore ancora più grande è quindi atteso sabato: 2020 RM15, la roccia che si stima possa raggiungere i 75 metri di dimensione, si approssima alla Terra viaggiando alla velocità di 9,78 chilometri al secondo. Infine l'approccio ravvicinato sarà portato da 2017 US.

Intanto già il primo settembre l'asteroide ES4 2011 non era passato troppo lontano da noi. Questo se considerate le distanze astronomiche. Altri cinque asteroidi si erano avvicinati al nostro pianeta a giugno. 

Come se non bastasse, alcune delle rocce precedentemente individuate dall'agenzia hanno già oltrepassato il nostro pianeta questa settimana, incluso il minuscolo PT4 2020. Sebbene sia considerato relativamente piccolo in termini spaziali, questo tipo di asteroidi potrebbe essere più difficile da rilevare dagli astronomi, secondo un recente filmato pubblicato dall'Agenzia spaziale europea (ESA).

​"Sfida: individua gli asteroidi! Ci sono quattro asteroidi in agguato in questa animazione, riesci a trovarli?", riporta il tweet.

L'ESA rileva che fino al 95% dei corpi spaziali che misurano oltre un chilometro di diametro possono essere individuati dalle autorità spaziali, mentre la maggior parte degli oggetti più piccoli rimane inosservata, il che potrebbe potenzialmente creare una situazione pericolosa per il nostro pianeta.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook