14:34 27 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
270
Seguici su

Alcuni fiori e piante da appartamento popolari possono compromettere seriamente la salute del vostro cane. Lo ha affermato il presidente della Federazione cinologica russa Vladimir Golubev.

"Non lasciare mai che il tuo cane rosicchi iris tagliati, narcisi, peonie, lupini, calle, tulipani, gigli, gipsofila, bucaneve, crisantemi, mughetti, delphinium, digitale, nonché giacinti e lillà", ha detto il cinologo in un'intervista ad un media moscovita.

Anche l'ortensia, la primula, il ciclamino, l'euforbia sono un pericolo per i nostri amici a quattro zampe. Provocano ustioni e ulcere alla bocca e alla gola, disturbi nel funzionamento del tratto gastrointestinale, reazioni allergiche e infiammazione delle mucose dell'occhio.

Le ericacee, ad esempio l'azalea, causano avvelenamento, seguito da blocco cardiaco e depressione del sistema nervoso centrale. Le araceae possono causare sensazione di bruciore, vesciche sulle mucose, arresto respiratorio, gonfiore della laringe e della bocca e congiuntivite.

Le piante solanacee - pepe ornamentale, solandra - possono causare nausea, sonnolenza e indigestione, confusione e paralisi a causa degli alcaloidi che contengono. Le apocinacee - oleandro e rauvolfia - contengono glicosidi e alcaloidi che possono portare a disturbi cardiaci.

In caso di avvelenamento, la pelle e le mucose devono essere lavati con abbondante acqua. Se il cane ha mangiato la pianta, bisogna indurre il vomito. Per questo, è adatta una soluzione all'1,5% di acqua ossigenata o una soluzione al 3%, che deve essere diluita a metà con l'acqua.
Un cucchiaino è sufficiente per un cane piccolo, due o tre cucchiai per un cane medio e un cucchiaino per un cane grande per ogni 5 kg di peso. Dopo è necessario dare molta acqua da bere, quindi recarsi immediatamente in una clinica veterinaria.

Tags:
Animali, Scienza e Tecnica, Società, cane
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook