20:42 29 Settembre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
111
Seguici su

Lavarsi i denti è un'abitudine particolarmente difficile da acquisire per i bambini, che spesso dicono di non volerlo fare perché il dentifricio modifica il gusto del cibo, soprattutto dei dolci. Ma perché succede questo?

Il sodio lauril solfato (SDS), presente non solo nel dentifricio, ma anche in shampoo, oli e saponi da bagno, è responsabile di questa sfortunata conseguenza della nostra igiene orale. Il SDS è un detergente responsabile della rimozione dello sporco e della presenza della schiuma, una proprietà desiderata da produttori e clienti.

Il problema è che blocca temporaneamente le papille gustative, responsabili della percezione del gusto dolce, scomponendo inoltre i grassi nella saliva che, agendo sulle papille corrispondenti, amplificano l'amaro.

Questo fa in modo che ciò che mangiamo o beviamo perda totalmente la sua dolcezza e diventi appunto più amaro. Un fenomeno che possiamo bilanciare bevendo succo d'arancia dopo esserci lavati i denti.

Il SDS, come tutti i detergenti tensioattivi, può causare irritazione alla pelle, da cui rimuove oli e grassi, e agli occhi, un problema per le persone particolarmente sensibili.

Tuttavia, è una delle sostanze chimiche più studiate da attivisti e organizzazioni internazionali e fino ad oggi non sono stati rilevati effetti collaterali oltre alla temporanea perdita di gusto.

A proposito di cura dei denti, ecco i consigli per preservare il loro smalto

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook