14:54 21 Settembre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 11
Seguici su

Secondo un politico del Partito conservatore britannico il consenso verso il suicidio assistito sta guadagnando sempre più consensi presso il parlamento nel Regno Unito.

Il politico conservatore Andrew Mitchell crede che il consenso attorno alla legalizzazione del suicidio assistito stia acquisendo sempre più supporto all'interno del parlamento, nonostante fino ad ora quest'ultimo abbia sempre votato contro proposte di questo tipo, riporta Skynews.

"Penso che, data la natura molto limitata di queste proposte, questo riguarderebbe coloro che sono a sei mesi dalla fine della propria vita, con forti certezze e la decisione presa da un giudice dell'Alta Corte e da due medici", ha dichiarato Mitchell, affermando che questo possa ottenere il sostegno del parlamento nei prossimi quattro anni.

Una legge sul suicidio assistito permetterebbe a persone che si stanno avvicinando alla fine della loro vita di fare una certa scelta per soffrire di meno. Lo stesso Mitchell che in precedenza si era opposto a questo, dice che ha sta cambiando idea, dopo aver parlato con famiglie che avevano visto i propri cari soffrire tremendamente negli stadi finali di malattie incurabili.

Il suicidio assistito in Belgio e nei Paesi Bassi

In Belgio e nei Paesi Bassi l'eutanasia è legale dal 2002 e nel corso degli anni sono molte le persone che ne hanno approfittato. In Belgio la richiesta di suicidio assistito può essere accolta fintanto che i medici sono convinti che la sofferenza di un paziente sia insopportabile. Inoltre il diritto alla morte può essere concesso anche ai pazienti con malattie mentali.

E in Italia?

Il Comitato Nazionale per la Bioetica ha pubblicato la prima comunicazione sul “suicidio medicalmente assistito” l'estate dell'anno scorso. Nel testo si stabilisce la definizione di eutanasia e la differenza con suicidio assistito:

"Per eutanasia si intende l'infusione di un farmaco che interrompe, in maniera rapida e indolore, la vita del malato che lo richiede. A compiere il gesto di somministrare la sostanza letale è una persona terza, un sanitario che la infonde in endovena a chi ritiene di patire sofferenze eccessive a livello fisico o esistenziale".

"Il suicidio assistito consiste nell'aiutare un soggetto che chiede di porre fine alla propria vita, ma in cui è lui stesso ad assumere un farmaco letale".

In Italia c'è il divieto assoluto che si estende anche anche solo al trasporto del malato in paesi che conducono eutanasia e suicidio assistito.

Correlati:

Nuova Zelanda: referendum per decidere se approvare la legge sull’eutanasia
Cappato: “Nessuno è obbligato a fare eutanasia, è solo per chi vuole sfruttare questa opportunità”
No all'eutanasia. Dichiarazione congiunta di cristiani, ebrei e musulmani
Tags:
Eutanasia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook