10:27 19 Settembre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
113
Seguici su

La roccia spaziale, scoperta per la prima volta nel novembre 2018, ha una piccola possibilità di entrare nell'atmosfera terrestre il 2 novembre, ma tutto sommato le elezioni presidenziali statunitensi si svolgeranno in sicurezza.

La NASA riferisce che un piccolo asteroide è in rotta di collisione con il nostro pianeta, poco prima delle elezioni statunitensi.

L'oggetto, soprannominato 2018VP1, è stato scoperto per la prima volta nel novembre 2018 mentre si trovava a circa 450.000 km dalla Terra. Ha un periodo orbitale di due anni e attualmente sta tornando di nuovo verso il nostro pianeta.

Secondo il Center for Near Earth Objects Studies presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, passerà a una distanza compresa tra gli 7700km e 418.000km dall'atmosfera terrestre.

C'è una piccola possibilità (0,41%) che il 2018VP1 raggiunga la Terra il 2 novembre, il giorno prima delle elezioni presidenziali statunitensi.

Un'altra buona notizia è che misura solo 2 metri di diametro, il che significa che non soddisfa la soglia per qualificarsi come un oggetto potenzialmente pericoloso. Il percorso di volo previsto lo porterà sull'Oceano Pacifico nel punto più vicino alla Terra.

Il 2018VP1 "non rappresenta una minaccia per la Terra", ha detto la NASA in una dichiarazione. "Attualmente ha una probabilità dello 0,41% di entrare nell'atmosfera del nostro pianeta, ma se lo facesse, si disintegrerebbe a causa delle sue dimensioni estremamente ridotte".

Le elezioni presidenziali statunitensi si svolgeranno il prossimo 3 novembre. Si sfideranno per la Casa Bianca il presidente uscente, il repubblicano Donald Trump, e il candidato dei democratici Joe Biden.

Correlati:

Oumuamua, l’asteroide interstellare che continua a lasciare perplessi gli scienziati
L'asteroide 202QC passa a 3000km dall'Oceano Indiano, è il nuovo record di avvicinamento alla Terra
Asteroidi in arrivo vicino alla Terra: ben 4 in un giorno
Tags:
asteroide, NASA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook