23:14 29 Settembre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
210
Seguici su

Un team di ricercatori australiani ha scoperto che se tutti nel mondo bevessero almeno due tazze di caffè ogni giorno ci sarebbero centinaia di migliaia di morti in meno per cancro al fegato.

Nel suo articolo, pubblicato sulla rivista 'Alimentary Pharmacology and Therapeutics', un gruppo composto da ricercatori di diverse università suggerisce che uno dei benefici per la salute che il caffè può avere è la riduzione del rischio di sviluppare un cancro al fegato.

Bere due o tre tazze di caffè al giorno può ridurre il rischio di contrarre la malattia del 38% e quello di morirne del 46%. E quando una persona aumenta il consumo a quattro o più tazze al giorno, la riduzione del rischio è del 41% e la possibilità di morire del 71% inferiore.

Per scoprirlo, i ricercatori hanno studiato i dati del Global Burden of Disease Study 2016 - un programma di ricerca globale e regionale che valuta mortalità, disabilità, danni, fattori e principali rischi delle malattie - filtrandoli con le statistiche relative al cancro al fegato. Quello che ne è risultato è un numero di 1.240.201 morti per questo tipo di cancro nell'anno preso in esame.

Quindi hanno recuperato le statistiche sul consumo di caffè e le hanno aggiunte a un modello che mostrava le connessioni tra il consumo della bevanda e la riduzione del tasso di cancro al fegato. Il modello ha mostrato che se tutti nel mondo avessero bevuto due tazze di caffè al giorno nel 2016 ci sarebbero stati 452.861 morti in meno per cancro al fegato. E se tutti ne avessero bevute quattro i decessi in meno sarebbero stati 723.287.

Gli autori dello studio ritengono che i governi e le agenzie sanitarie dovrebbero iniziare a promuovere il consumo di caffè come un modo per ridurre i tassi di cancro al fegato in tutto il mondo.

In precedenza era stato reso noto uno studio secondo cui, il consumo di caffè avrebbe il beneficio di aumentare l'aspettativa di vita.

Tags:
tumore, Salute, caffè
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook