05:32 26 Settembre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
107
Seguici su

L'ex ad e co-fondatore del gigante della tecnologia Microsoft ha valutato le pressioni dell'amministrazione Trump affinché una società americana acquisti l'app di social media di condivisione video Tik Tok di proprietà cinese.

La proposta di Microsoft di acquistare la popolare app di condivisione video TikTok è un "calice avvelenato", secondo il co-fondatore dell'azienda Bill Gates in un'intervista con WIRED che è stata pubblicata venerdì.

Gates, che attualmente lavora come consulente tecnologico per Microsoft dopo essersi dimesso da amministratore delegato nel 2014, ha ammonito che "essere grandi nel settore dei social media non è un semplice", ma ha aggiunto che rendere il settore più competitivo è "probabilmente una buona cosa".

"Voglio dire, questo può sembrare egoistico, ma penso che essere più competitivo sia probabilmente una buona cosa. Ma avere Trump che uccide l'unico concorrente, è piuttosto bizzarro", ha detto.

Il miliardario ha definito "strano" l'ordine dato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump a TikTok, di proprietà cinese, di vendere l'app a una società americana, in particolare l'obbligo di dare una quota di qualsiasi accordo al governo federale.

"Sono d'accordo che il principio su cui si sta procedendo è singolarmente strano. La questione della quota è doppiamente strana. Comunque, Microsoft dovrà occuparsi di tutto questo", ha aggiunto Gates.

La guerra a TikTok e alle altre aziende di IT cinesi

Giovedì Donald Trump ha concesso alla società madre di TikTok ByteDance fino al 15 settembre per trovare un acquirente, altrimenti l'app sarebbe stata bandita dall'operare negli Stati Uniti.

Microsoft è considerata l'acquirente più probabile nei negoziati per l'acquisizione delle operazioni di TikTok negli Stati Uniti, Canada, Nuova Zelanda e Australia, che potrebbero costare al gigante della tecnologia tra i 10 e i 30 miliardi di dollari.

Il presidente Trump ha anche emesso un ordine esecutivo, che entrerà in vigore tra meno di 45 giorni, che vieterà società ed entità statunitensi da "qualsiasi transazione" con TikTok, ByteDance e Tencent, una società tecnologica cinese proprietaria dell'app di messaggistica WeChat. Il ministero degli Esteri cinese ha affermato di essere fortemente contrario agli ordini di Trump.

TikTok è arrivato negli Stati Uniti nel 2018 e da allora ha accumulato oltre 100 milioni di utenti nel paese, un decimo del suo pubblico globale.

L'app per la condivisione di video, una delle in più rapida crescita al mondo, è stata oggetto di esame negli Stati Uniti per la preoccupazione che possa gestire i dati privati ​​degli utenti e la cronologia di navigazione al governo cinese, un'accusa negata dai proprietari.

Gli Stati Uniti hanno lanciato una revisione della sicurezza nazionale di TikTok l'anno scorso e l'hanno vietata ai telefoni posseduti dai militari. Un divieto simile è stato proposto per i telefoni del governo.

La repressione di TikTok è parallela a una più ampia lotta contro i concorrenti cinesi nel campo tecnologico come Huawei e ZTE, di cui è stato vietato l'uso da parte del governo federale degli Stati Uniti e degli appaltatori del governo per vaghi problemi di sicurezza nazionale.

L'amministrazione Trump ha attaccato Huawei, il produttore di apparecchiature per le telecomunicazioni numero 1 al mondo, su più fronti, anche cercando di tagliare le sue forniture di chip e spingendo gli alleati a escluderlo dalle reti di telefonia mobile 5G.

 

Correlati:

Bill Gates prevede una sciagura più spaventosa del coronavirus
Bill Gates ipotizza quando questa crisi potrebbe finire
Allarme di Bill Gates: negli Usa possibile crescita numero vittime di Covid-19
Tags:
Bill Gates
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook