11:01 01 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 33
Seguici su

La frutta gustosa e apparentemente sana potrebbe provocare patologie al fegato. Ha parlato del perché ci sarebbe questo legame e come evitarlo l'endocrinologa Zukhra Pavlova in un'intervista a Radio Sputnik.

La frutta è carboidrati, glucosio e fruttosio. Allo stesso tempo una grande quantità di fruttosio può causare steatosi epatica non alcolica, ha detto Zukhra Pavlova. In un'intervista con Radio Sputnik, la ricercatrice presso la Facoltà di Medicina Generale del Dipartimento di Malattie legate all'età dell'Università Statale di Mosca, ha spiegato che le drupacee e pomacee si distinguono per contenuto di fruttosio e glucosio.

"Le drupacee contengono più glucosio e meno fruttosio. Le pomacee contengono più fruttosio e meno glucosio. Cioè, le mele hanno più fruttosio, le albicocche hanno più glucosio. E quando una persona pensa che mangiare una mela o una pera non abbia controindicazioni, in realtà non è così: si assimila fruttosio in grandi quantità, il che può portare a steatosi epatica non alcolica. Il glucosio viene metabolizzato dall'insulina e finisce nelle riserve di energia e grasso, tutto il fruttosio viene catturato dalle proteine ​​del fegato", ha avvertito Zukhra Pavlova.

È molto importante non mangiare frutta come spuntino, ha aggiunto l'endocrinologo. La frutta dovrebbe essere consumata come dolce, ha detto.

"Quando una persona fa uno spuntino con frutta o bacche, riceve glucosio, fruttosio, un grande rilascio di insulina, a seconda di quanto ha mangiato. Allo stesso tempo, la dieta manca di una componente importante: le proteine. Fare uno spuntino con la frutta è buono, ma solo se il frutto è usato come dessert: un pezzo formaggio, yogurt, e a questo aggiungi una mela, albicocche. I frutti grandi è meglio mangiarli uno alla volta, quelli piccoli in più pezzi. Quando una persona mangia proteine ​​e frutta, il picco di glucosio diminuisce, meno si deposita, si consuma di più", ha detto Zukhra Pavlova a Radio Sputnik.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook