14:39 24 Settembre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Uno studio condotto dalla società di ricerca islandese Decode Genetics ha scoperto che le persone anziane generalmente hanno più anticorpi dei giovani e gli uomini più delle donne.

Coloro che sviluppano anticorpi contro СOVID-19 hanno protezione contro il virus per lungo tempo, ha concluso uno studio islandese.

Secondo lo studio condotto dalla società di ricerca Decode Genetics, non vi è alcuna indicazione che la percentuale di anticorpi diminuisca rapidamente dopo la guarigione, cosa che aveva suscitato molte preoccupazioni, secondo quanto riportato dall'emittente pubblica islandese RUV.

"Abbiamo testato un gran numero di persone e i nostri risultati sono inequivocabili", ha affermato Kari Stefansson, neurologo e amministratore delegato dell'azienda.

Secondo lo studio, delle 30.000 persone testate in Islanda, quasi l'1% ha sviluppato anticorpi contro il coronavirus.

Tra le persone testate, le persone anziane avevano più anticorpi dei giovani e gli uomini più delle donne.

“Le donne non ne hanno tanto bisogno. In genere si ammalano meno degli uomini, anche se hanno meno anticorpi”, ha spiegato Kari Stefansson.

Finora la nazione insulare di 360.000 abitanti ha visto un totale di 1.926 casi di COVID-19 e dieci morti confermate. Tuttavia, circa il 9% di coloro che sono risultati positivi al coronavirus non aveva sviluppato alcun anticorpo. Secondo Stefansson, una spiegazione per questo potrebbe essere un risultato del test errato.

"L'organismo potrebbe essere in grado di eliminare il virus attraverso i soli linfociti T", ha riflettuto, suggerendo che ulteriori studi chiariranno la questione.

Un precedente rapporto di ricerca del King's College di Londra ha indicato che gli anticorpi contro COVID-19 iniziano a morire dopo solo due o tre mesi, mettendo in dubbio l'effetto duraturo dell'immunità.

Tuttavia, la convinzione in un'immunità più o meno duratura è condivisa da altre nazioni, come la Svezia, che non ha imposto misure di limitazione ed è rimasta aperta, sperando nell'immunità del gregge. A luglio, l'agenzia di sanità pubblica del paese ha suggerito che l'area metropolitana della Grande Stoccolma potrebbe avvicinarsi ai livelli d'immunità di gregge, poiché quasi il 40% dei residenti sembrava aver sviluppato anticorpi.

"Non ci aspettavamo un'immunità permanente a questa malattia perché abbiamo esaminato le conoscenze che hai da altri coronavirus", ha detto all'emittente nazionale SVT Karin Tegmark Wisell dell'Agenzia per la sanità pubblica svedese.

Secondo la Public Health Agency, si diventa immuni per circa sei mesi dopo aver contratto il COVID-19.

Finora, la Svezia ha registrato 81.540 casi e 5.760 decessi, suscitando critiche per la sua controversa strategia e per le morti "evitabili".

Correlati:

Ultimi dati aggiornati sul Covid-19 in Italia
Bolzano multietnica risparmiatа da covid
Enac minaccia Ryanair per violazione norme anti-Covid: "O rimedia o vieteremo decolli"
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook