11:57 09 Agosto 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
1 0 0
Seguici su

Un nuovo lavoro scientifico ha evidenziato che le persone con atteggiamenti negativi hanno maggiori probabilità di contrarre malattie pericolose e il loro pessimismo è pienamente fondato, dal momento che rischiano di morire due anni prima rispetto ai loro amici e conoscenti ottimisti.

Uno studio condotto da un'equipe di epidemiologia genetica del QIMR Berghofer del Queensland (Australia) ha scoperto che le persone con maggiore livello di pessimismo sono morte in media due anni prima di quelle con atteggiamento opposto.

I ricercatori hanno intervistato circa 3mila persone di età superiore ai 50 anni tra il 1993 e il 1995 per scoprire il loro livello di pessimismo. In seguito hanno esaminato il registro dei decessi in Australia per scoprire quanti degli intervistati fossero deceduti.

Nel loro lavoro i ricercatori si sono concentrati anche sulle cause di morte. Si è scoperto che i pessimisti avevano maggiori probabilità di soffrire di malattie potenzialmente letali. Allo stesso tempo si è scoperto che l'ottimismo non diminuisce o aumenta l'aspettativa di vita di una persona.

"Abbiamo scoperto che le persone pessimiste sono morte di malattie cardiovascolari e altre malattie, ma non di cancro", - ha dichiarato il dottor John Whitfield. - D'altra parte non abbiamo trovato una correlazione tra ottimismo e aspettativa di vita. Coloro che hanno ottenuto un punteggio elevato nella scala dell'ottimismo non avevano un'aspettativa di vita superiore alla media".

Complessivamente mediante sondaggi i ricercatori hanno identificato solo il 9% di persone molto pessimiste e in questo parametro non sono state riscontrate differenze significative tra uomini e donne.

Dai risultati dello studio possiamo trarre una lezione: essere positivi e guardare la vita con ottimismo è l'atteggiamento giusto.

Tags:
Salute, Medicina, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook