21:48 31 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 41
Seguici su

Mandriani di renne hanno scoperto questa settimana quello che sembra essere uno scheletro completo di un antico mammut lanoso nel lago della Siberia occidentale, ha detto il National Center for Arctic Studies.

Frammenti di ossa sono stati scoperti nelle acque poco profonde del lago Pechevalavato, a circa 25 chilometri dal villaggio di Seyakha, nella regione di Yamalo-Nenets, ha reso noto il centro in un comunicato stampa.

"Gli uomini della tundra hanno portato in superficie una parte del suo cranio, la mascella inferiore, diverse costole e un frammento di piede con i tendini ancora intatti. Hanno spostato i ritrovamenti sulla costa esterna della spiaggia e li hanno lasciati in acqua per evitarne l'essiccamento", ha comunicato il centro.

Qui sotto le immagini del ritrovamento

​Alcuni scienziati russi giunti sul sito nei giorni seguenti hanno recuperato una dozzina di costole, falangi e un osso pelvico. Il direttore del centro, Dmitry Frolov, ha detto che frammenti di ossa più massicci sporgono dal limo.

"Gli specialisti ritengono che il resto dello scheletro sia molto probabilmente incorporato nel limo a una profondità maggiore e richiederà attrezzature speciali e tempo per essere recuperato", ha aggiunto il comunicato stampa.

Si ritiene che l'esemplare sia un adulto di mammut lanoso, la cui specie ha camminato per l'ultima volta sulla terra circa 4000 anni fa. Una seconda spedizione di una settimana sul sito del ritrovamento è prevista per lunedì.

Non è certo la prima volta che resti di mammut vengono rinvenuti in Russia

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook