10:00 05 Agosto 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Quando si tratta di scegliere un telefono cellulare, ci sono molti fattori che di solito prendiamo in considerazione: la fotocamera, la risoluzione, lo schermo... Tuttavia, ce n'è uno a cui dovremmo dare la priorità rispetto a tutti gli altri: la RAM.

L'acquisto di un nuovo smartphone di solito implica il rifiuto di alcune prestazioni a vantaggio di altre per adeguarsi al prezzo che si desidera pagare, al modello che si desidera ottenere o alla disponibilità in negozio. Uno dei parametri decisivi da valutare è la RAM.

Questa memoria è quella principale del dispositivo, quella in cui sono temporaneamente immagazzinati i dati dei programmi e delle applicazioni utilizzati. Il problema con la RAM è che la sua capacità influisce direttamente sul funzionamento del telefono, quindi una memoria operativa molto piccola renderà il dispositivo sempre più lento.

Per quanto sorprendente possa sembrare, i terminali con molta poca RAM, causa del lento funzionamento dello smartphone, continuano a essere venduti. Pertanto, Antón Blagoveschenski raccomanda in un suo articolo per 'RG.RU' il boicottaggio dei dispositivi che hanno meno di 1 GB di RAM.

Ad esempio, si ritiene che l'applicazione Facebook occupi molto spazio nella memoria operativa del telefono. Se hai uno smartphone con 1 GB di RAM e scarichi questa app, una parte importante della memoria verrà occupata da essa. Probabilmente Facebook sarà seguita da altre applicazioni come WhatsApp, Instagram e molte altre che porteranno a termine i gigabyte disponibili.

Quello che succederà allora è che tutte le applicazioni, tranne le ultime che sono state scaricate e che potrebbero trovarsi all'interno della RAM, rimarranno al di fuori di essa. Ciò significa che ogni volta che vorremo aprire una di quelle applicazioni, ci vorrà un'eternità per iniziare. Inoltre, una memoria operativa ridotta di solito porta con sé un processore lento.

Ciò significa che arriva un punto in cui anche l'app che hai aperto in un dato momento non funziona bene. Ciò si verifica perché ogni programma crea dati temporanei memorizzati nell'unico spazio in cui possono farlo: appunto nella RAM. E se la memoria è piena, libererà spazio rimuovendo altre app e così via.

In breve, più piccola è la memoria operativa del terminale, più facile sarà il verificarsi di questo circolo vizioso e il cellulare diventerà sempre più lento, specialmente se viene scaricata un'applicazione molto pesante. Pertanto, il consiglio, afferma Blagoveschenski, è di acquistare smartphone da 2 o meglio da 3 GB. Così più applicazioni potranno funzionare contemporaneamente e il telefono sarà più veloce.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook