07:09 15 Agosto 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 111
Seguici su

Gli scienziati egiziani sono riusciti a svelare il mistero della mummia della donna "urlante" scoperta a Deir el-Bahari, nei pressi di Luxor.

Lo segnala il sito Ahram Online.

Secondo uno degli autori dell'analisi, l'egittologo Zahi Hawass, i risultati della tomografia computerizzata hanno mostrato che la donna è morta per infarto e che la grave aterosclerosi delle arterie coronarie è stata responsabile della sua morte improvvisa. Secondo i ricercatori, durante il processo di imbalsamazione, è stata mantenuta la posizione del corpo della donna e l'espressione del volto al momento della morte.

"La posizione del corpo con le gambe piegate e incrociate, con la testa girata a destra e la mascella ricadente. Partiamo dal presupposto che il corpo avrebbe potuto essere trovato non prima di alcune ore dopo la morte", ha spiegato Hawass.

La mummia "urlante" di una donna era stata scoperta nel 1881 vicino alla città di Luxor in una tomba tra 40 mummie di membri della dinastia reale. L'identità della donna è ancora oggetto di discussione tra gli scienziati, tuttavia Hawass ritiene che si tratti di una principessa di nome Meret Amun, figlia del faraone Seqenenra Tao (re della XVII dinastia), salito al trono tra il 1560 e 1558 a.C.

1 / 2
La "mummia urlante" egiziana
Tags:
Scienza e Tecnica, Storia, mummia, Egitto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook