07:38 15 Agosto 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 30
Seguici su

I massimi esperti internazionali si sono espressi sulla possibilità che lo smog contribuisca alla diffusione del virus, aumentando la velocità dei contagi.

Può lo smog essere un "super-conduttore" del virus Sars-Cov2? Gli scienziati bocciano questa ipotesi. Ad oggi non esistono studi in grado di dimostrare che le particelle inquinanti siano in grado di diffondere e trasportare il virus. E' questa l'opinione degli esperti che hanno preso parte del Webinar 'Air pollution and Covid-19', organizzato dalla Fondazione Internazionale Menarini nell'ambito del progetto RespiraMi.

L'inquinamento atmosferico non è responsabile dell'impennata dei contagi, tuttavia è un "alleato del virus", poiché l'esposizione allo smog compromette la salute fisica, predisponendo l'organismo a forme di comorbilità che in caso di COVID-19 potrebbero rivelarsi fatali.

E' quindi corretto dire che, in presenza di smog, è più probabile che aumenti la percentuale di ammalati sul totale dei positivi, rispetto a quella degli asintomatici. 

Lo smog, a detta degli esperti, è un fattore negativo all'interno del quadro pandemico, non tanto per la diffusione dei contagi, ma poiché favorisce l'aggressione del virus all'organismo umano. 

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook